Indagine Mediobanca: 5 cooperative tra le prime 12 aziende per fatturato

Indagine Mediobanca: 5 cooperative tra le prime 12 aziende per fatturato

Cantine Riunite e Civ con Gruppo Italiano Vini, Caviro, Mezzacorona, Cavit e Cantina di Soave sono, nell’ordine, le cooperative vinicole di primo e secondo grado più produttive d’Italia. L’annuale indagine condotta da Mediobanca sulle 108 principali società di capitali operanti nel settore enologico (leggi anche il post Il vino è in salute. Le indagini di Mediobanca, Nomisma e Il Mondo) le pone nelle prime 12 posizioni della classifica. Nella top 25 anche Lavis, il Gruppo Cevico e Collis Veneto Wine Group.

GIV, CAVIRO E CAVIT SUL PODIO – Entrando nel dettaglio, il colosso costituito dal veneto Gruppo Italiano Vini con Cantine Riunite e Civ di Campegine (Reggio Emilia) si conferma leader assoluto con una produzione di 205.500.000 bottiglie nel 2012 e 514 milioni di euro di fatturato complessivo. Al secondo posto, nell’analisi Mediobanca, c’è la Caviro di Faenza, nel Ravennate (che gestisce anche la divisione vini del Gruppo Campari); dunque due cooperative emiliano-romagnole in vetta alla graduatoria nazionale. Per Caviro 284 milioni di fatturato e oltre 55 milioni di bottiglie durante l’anno appena trascorso. Chiude il podio Mezzacorona in Trentino con 160 milioni di euro e 47 milioni di bottiglie.

LE ALTRE IN TOP 25 – Segnaliamo anche le performance della trentina Cavit (6ª in classifica, 153 milioni di euro); della veronese Cantina di Soave (11ª, 107 milioni e 30 milioni di bottiglie), del Gruppo Cevico di Lugo, nel Ravennate (13ª, 96 milioni e 65.944.000 bottiglie), della trentina La Vis (15ª, 92 milioni) e di Collis Veneto Wine Group (18ª, 76 milioni).

Maurizio Gardini, presidente dell’Alleanza delle Cooperative Agroalimentari

AL VINITALY PER CONFRONTARSI SUL PROBLEMA DEI DAZI – «Le nostre aziende», ha commentato il presidente dell’Alleanza delle Cooperative Agroalimentari Maurizio Gardini, «potrebbero essere più competitive se non fosse per i dazi, che rappresentano un forte ostacolo alle esportazioni, in particolare in nazioni quali la Cina, la Russia, il Giappone e il Brasile. Per esportare in Paesi lontani c’è bisogno da un lato di aziende più solide e strutturate, dall’altro di azioni di informazione e promozione che siano in grado di giungere ai nuovi consumatori, così diversi da noi negli stili di vita e nelle abitudini alimentari». Al delicato tema “vino & dazi” l’Alleanza delle Cooperative Italiane ha dedicato un convegno durante il Vinitaly: “Vino e dazi: esperienze e mercati a confronto”, che si è svolto lunedì 8 aprile nel Centrocongressi Europa – Auditorium Verdi di Veronafiere.

Tag: , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 11/04/2013

Leggi anche ...

Fiere internazionali: Simei rimandato al 2022, London Wine Fair solo online
Dal mondo
Fiere internazionali: Simei rimandato al 2022, London Wine Fair solo online

Alla lista delle fiere internazionali rimandate a causa Leggi tutto

Bilancio del 2020: la nostra forza  è la Dop economy
Wine business
Bilancio del 2020: la nostra forza è la Dop economy

Questo contenuto è riservato agli abbonati digita Leggi tutto

Pinot grigio delle Venezie, lo stile italiano amato all’estero
Dall'Italia
Pinot grigio delle Venezie, lo stile italiano amato all’estero

Continua l’ascesa del Pinot grigio delle Venezie, la Leggi tutto