Dall'Italia Dall'Italia Jessica Bordoni

Il Top delle guide vini 2021: i 7 best in class

Il Top delle guide vini 2021: i 7 best in class

Prosegue la pubblicazione dei risultati del Top delle Guide Vini 2021, la superclassifica di Civiltà del bere che mette a confronto i punteggi delle principali Guide enologiche nazionali. Ecco i best in class, ovvero i vini più premiati di ogni categoria (Miglior spumante, rosso, bianco e vino dolce). Non mancano degli ex aequo.

Miglior spumante

Giulio Ferrari Riserva del Fondatore, Trentodoc Extra Brut 2009
Cantine Ferrari Trentino – Trento

Icona assoluta della spumantistica italiana, è uno Chardonnay in purezza capace di vincere la sfida del tempo affinando oltre 10 anni sui lieviti. Grande complessità, associata a equilibrio, freschezza ed eleganza fuori dal comune.


Miglior bianco

Tognano, Fiano di Avellino Docg 2017
Rocca del Principe Campania – Irpinia

Da una selezione di viti trentennali innestate con talee di una pianta centenaria. Siamo a Lapio, in contrada Tognano, cru d’elezione del Fiano che qui si esprime con un bouquet agrumato e tostato, palato ricco e fresco dal finale fumé.


Miglior rosso

Montepulciano d’Abruzzo Doc 2015
Valentini Abruzzo – Loreto Aprutino

L’approccio artigianale e la cura del dettaglio fanno di Valentini una delle aziende abruzzesi più ricercate dagli estimatori. E questo vale tanto per il Trebbiano quanto per il Montepulciano, che mostra con equilibro la ricchezza del millesimo.

Miglior rosso

Sassicaia, Bolgheri Sassicaia Doc 2017
Tenuta San Guido Toscana – Bolgheri

Il primo taglio bordolese dello Stivale, blend di uve Cabernet Sauvignon (85%) e Cabernet Franc (15%) affinate in barrique di rovere francese, non smentisce la sua fama, confermando il suo stile fatto di eleganza aromatica e finezza tannica.

Miglior rosso

Vigna Schiena d’Asino, Brunello di Montalcino Docg 2015
Mastrojanni Toscana – Montalcino

Uno degli esempi più compiuti della grandezza del Sangiovese e del Brunello. Questo single vineyard riposa 42 mesi in botti di rovere di Allier da 16 hl e 1 anno in bottiglia. Austero, serrato, sapido e straordinariamente longevo


Miglior vino dolce

Antico Gregori, Vernaccia di Oristano Doc 1976
Contini Sardegna – Oristano

La base del 1976 è stata rabboccata con piccole percentuali di Vernacce più giovani e, dopo il lunghissimo affinamento, con annate vecchissime. Il risultato è un sorso di grande avvolgenza, calore, sapidità e freschezza. Sembra non finire mai.

Miglior vino dolce

Ben Ryé, Passito di Pantelleria Doc 2017
Donnafugata Sicilia – Pantelleria

Prodotto a partire dal 1989, si colloca ai vertici della produzione mondiale dei vini dolci. Il suo nome in arabo significa “figlio del vento” in omaggio quello che scuote i grappoli degli alberelli panteschi di Zibibbo, la cui età va dai 60 ai 100 anni.

Tag: , , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 12/04/2021

Leggi anche ...

In arrivo il robot quadrupede che pota le viti
Dall'Italia
In arrivo il robot quadrupede che pota le viti

Leggi tutto

Gli altri spumanti. L’esordio del Lazio
Dall'Italia
Gli altri spumanti. L’esordio del Lazio

Leggi tutto

Atlante del vino 2021: l’Emilia Romagna
Dall'Italia
Atlante del vino 2021: l’Emilia Romagna

Leggi tutto