wine2wine/Vinitaly a novembre. Prove di ripartenza

wine2wine/Vinitaly a novembre. Prove di ripartenza

Il nuovo evento di Veronafiere a novembre 2020 sarà la prima manifestazione vinicola dopo i mesi del lockdown a coniugare presenza fisica e digitale. In programma l’incoming di 600 buyer da tutto il mondo.

Un primo e importante segnale positivo per la ripartenza del mercato vitivinicolo italiano giunge da wine2wine Exhibition, nuovo evento di Veronafiere in programma dal 22 al 24 novembre 2020. Il progetto è stato lanciato ieri, lunedì 22 giugno, in un incontro in streaming moderato da Gennaro Sangiuliano, direttore del Tg2. E rappresenta una prima risposta positiva del comparto fieristico, dopo mesi di difficoltà e di annullamento di iniziative ed eventi per l’emergenza Covid-19.

Rilanciare il Made in Italy e il sistema fieristico

«wine2wine esprime la capacità di resilienza e la vitalità del settore vitivinicolo», ha commentato il Ministro degli Affari esteri e della cooperazione internazionale Luigi Di Maio durante la presentazione ufficiale dell’evento. «Il rilancio del made in Italy e del sistema fieristico italiano sono tra le priorità del Patto per l’export che abbiamo sottoscritto l’8 giugno insieme a ministeri, enti pubblici e associazioni di categoria del mondo imprenditoriale».

Luigi Di Maio durante la presentazione di wine2wine exhibition

wine2wine è il volano che serve al settore per rinascere

«Il vino è una delle filiere che ha sofferto di più in questa fase. Faremo di tutto perché possa tornare a correre. Il contributo dell’appuntamento di Verona, a novembre, sarà decisivo», ha dichiarato Teresa Bellanova, ministra delle Politiche agricole, alimentari e forestali. wine2wine sarà un volano di promozione per il mondo vitivinicolo, che si collega al turismo, come ha sottolineato Luca Zaia, presidente della Regione Veneto. «Abbiamo pagato lo scotto del necessario spostamento di Vinitaly al 2021. Questa iniziativa pensata per l’eccezionalità del momento che stiamo vivendo ci permette di rimanere in sella», ha concluso il sindaco di Verona Federico Sboarina.

Bisogna ripensare le fiere

«wine2wine Exhibition coniuga gli indirizzi del Patto per l’export con le esigenze di nuove iniziative che valorizzino al massimo le potenzialità della presenza fisica e quelle degli strumenti digitali», ha spiegato Maurizio Danese, presidente di Veronafiere. Organizzato in collaborazione con il Ministero delle Politiche agricole, il Ministero degli Affari esteri e Ice-Agenzia, l’evento rientra nel progetto Fiera Smart 365 di Ice. «Senza togliere centralità all’evento fisico, la manifestazione, grazie al digitale e a un continuo network di relazioni e scambi qualificati, può vivere 365 giorni all’anno», ha anticipato Carlo Maria Ferro, presidente di Ice-Agenzia.

Maurizio Danese e Giovanni Mantovani

Attesi 600 buyer dal mondo

«Con Ice-Agenzia abbiamo avviato un programma di incoming di circa 600 buyer nel mondo. Accanto al Forum wine2wine, che farà il punto della situazione dei mercati, la parte Exhibition offrirà una dimostrazione fisica della qualità del nostro prodotto e del made in Italy ai mercati presenti e, invece, digitale per fare incontrare la domanda e l’offerta per quelli che non potranno partecipare», ha anticipato Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere. «Puntiamo ad avere 600 espositori. La domenica la manifestazione sarà per la prima volta aperta al consumatore e le aziende potranno anche vendere direttamente al pubblico».

Domenica l’accesso è aperto al pubblico

Servizi chiavi-in-mano e allestimento degli stand pre-elaborato da Veronafiere serviranno a rispettare gli standard di sicurezza. «Il pricing per le aziende è da iniziativa che vuole essere di supporto al settore», ha anticipato Giovanni Mantovani. wine2wine Exhibition, preceduta il 21 novembre da OperaWine con i 100 migliori vini selezionati da Wine Spectator, si svolgerà fino al 24 novembre insieme a wine2wine Business Forum (23-24 novembre). Domenica 22 novembre l’accesso sarà consentito anche ai winelover, mentre nelle giornate di lunedì 23 e martedì 24 potranno partecipare solo operatori del settore italiani ed esteri.

Il walk around tasting per aree tematiche

I padiglioni 9, 10 e 12 di Veronafiere ospiteranno un walk around tasting per aree tematiche e geografiche sulle denominazioni e tipologie del vino italiano, con spazi per spirits, vini rosati, special wines e vini internazionali. La comunità internazionale potrà partecipare online a incontri b2b virtuali, masterclass e degustazioni guidate. Il padiglione 11 ospiterà, inoltre, la prima edizione di B/Open, la manifestazione b2b sul food biologico certificato e sul natural self-care.

Tag: , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 23/06/2020

Leggi anche ...

Fiere del vino: ripartenza in autunno, ma come?
In Evidenza
Fiere del vino: ripartenza in autunno, ma come?

L’autunno segna un primo, timido ritorno degli event Leggi tutto

La vendemmia 2020 in Europa: numeri in chiaroscuro
Dal mondo
La vendemmia 2020 in Europa: numeri in chiaroscuro

Mentre l’Italia arretra (-1%), Francia (+3,1%) e Spagna Leggi tutto

Chi vendemmia al tempo del Covid?
Wine business
Chi vendemmia al tempo del Covid?

Quarantene e controlli frenano l’arrivo di stagionali stranier Leggi tutto