Il Malanotte Piave diventa Docg

Il Malanotte Piave diventa Docg

Tra un mese il Raboso del Piave, definito “Malanotte Piave”, riceverà la tanto attesa Docg. Ce lo ha anticipato il 1 dicembre Antonio Bonotto, presidente dei vini Piave Doc, «per noi rappresenta la punta di diamante della produzione del noto vitigno veneto per entrare nei mercati del Nord Europa e dell’Asia». Si tratta di un vino monovitigno che deve il suo nome a una famiglia trentina del 1600 e che viene realizzato con un 70% di uve fresche, che offrono opportunità di personalizzazione per le aziende, e da una percentuale variabile tra il 15 e il 30% di uve in appassimento. «Considerato un tempo come vino da taglio, negli ultimi 20 anni ci siamo sforzati di recuperare la sua storia viticola e di reinterpretarlo in chiave moderna per regalargli un futuro» ha detto il presidente. Il Malanotte Piave Docg prevede tre anni di invecchiamento prima di essere commercializzato, la prima vendemmia autorizzata è il 2008. Una scelta decisamente di campo quella del Consorzio  che ha deciso di non inserire la tipologia Raboso, vino rosso ad ampia diffusione, in etichetta per puntare invece sul nome territoriale “Piave”. «L’obiettivo è avere maggiori opportunità di tutela contro rischi di frodi e contraffazioni» ha concluso Bonotto. E ha usato una frase provocatoria: «Se qualcuno chiamava il Raboso “vino degli zoccoli”, troverà in bocca, invece, un vino “di eleganza”».

Tag: , ,

© Riproduzione riservata - 03/12/2010

Leggi anche ...

Asti e Moscato d’Asti lanciano Sorì eroici
Dall'Italia
Asti e Moscato d’Asti lanciano Sorì eroici

Leggi tutto

Alice Paillard presenta N.P.U. 2008. Grande vino di Champagne
Dall'Italia
Alice Paillard presenta N.P.U. 2008. Grande vino di Champagne

Leggi tutto

Censimento delle Vecchie Vigne: il Piemonte
Dall'Italia
Censimento delle Vecchie Vigne: il Piemonte

Leggi tutto