Monferrato Wine Festival, la 1ª edizione il 20 e 21 maggio

Monferrato Wine Festival, la 1ª edizione il 20 e 21 maggio

Il Monferrato celebra la cultura enologica e la bellezza del suo paesaggio con un evento organizzato dal Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato. Due giorni di degustazioni, masterclass e visite in Cantina.

Tredici denominazioni – 4 Docg e 9 Doc – e oltre 400 produttori consorziati sono gli ambasciatori del territorio delle colline centrali del Piemonte, dal 2014 dichiarato Patrimonio dell’Unesco. La prima edizione del  Monferrato Wine Festival – Monferrato Identity nasce per celebrare questa appartenenza e comunicare questa identità. Due giorni, 20 e 21 maggio, caratterizzati da un ricco calendario di visite, degustazioni, masterclass e cooking class che uniranno il gusto dei prodotti tipici piemontesi ai vini del territorio.

I tasting al Castello di Costigliole d’Asti

Le attività per il pubblico si terranno all’interno delle affascinanti sale del maestoso Castello di Costigliole d’Asti il 20 e il 21 maggio. I ricchi banchi d’assaggio alla presenza dei produttori del territorio (visitabili dalle 10 alle 18 in entrambi i giorni) saranno affiancati da una masterclass dedicata alla Barbera d’Asti Docg condotta da Andrea Dani di Ais Piemonte (sabato 20 maggio ore 12). Seguirà poi quella incentrata sulla tipologia Superiore (ore 15.30). Sempre sabato 20, a partire dalle 16.30, con il responsabile tecnico del Consorzio Fabio Teodo, verrà presentato il libro Barbera 2.0 (sala della scuola professionale di cucina italiana – Icif). Per finire con lo showcooking “L’arte del cioccolato” con degustazione, condotta dal Mastro Cioccolatiere Nicolas Vella (domenica 21 maggio alle 15.30).

La voce di un territorio

«Le nostre colline sono il cuore pulsante del Monferrato». È la voce del presidente del Consorzio, Filippo Mobrici. «Formano una tra le più ampie aree vitate d’Italia, culla delle molteplici eccellenze che possiamo vantare. Questo appuntamento è una importante occasione per porre i riflettori sul prezioso tessuto produttivo che fa grande il Piemonte del vino. Lavoriamo quotidianamente per rappresentare i produttori delle varie denominazioni; non vedevamo l’ora di creare un’occasione d’incontro simile tra aziende e un pubblico più che variegato».

Oltre 70 anni in Consorzio

Territorio dalle tante anime vinicole, il Monferrato ha scelto una voce unitaria da oltre da 70 anni. Nato nel 1946, il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato tutela le singole peculiarità che rendono quest’area unica al mondo e al contempo fa da collante tra queste molteplicità. Le sette aziende che ne facevano parte al suo battesimo oggi sono diventate 404. Sono 13 le denominazioni attualmente rappresentate (le Docg Barbera d’Asti, Nizza, Ruché di Castagnole Monferrato, Terre Alfieri e le Doc Albugnano, Cortese dell’Alto Monferrato, Dolcetto d’Asti, Freisa d’Asti, Grignolino d’Asti, Loazzolo, Malvasia di Castelnuovo Don Bosco, Monferrato e Piemonte). Gli ettari rivendicati sono oltre 10 mila di cui più di 4 destinati alla produzione di Barbera Docg.

Territorio d’eccellenza

Regina del Monferrato, si ipotizza che la Barbera venisse coltivata nella zona sin dall’epoca medievale. Le prime tracce ufficiali si hanno tuttavia a partire dal 1512. A quest’anno risale infatti un atto catastale del Comune di Chieri in cui se ne segnala la presenza. Doc nel 1970 e Docg dal 2008, la Barbera d’Asti è oggi riconosciuta come uno dei più importanti vini italiani; e con crescenti consensi anche a livello internazionale. L’area che ne consente la produzione è quella inserita all’interno di 116 comuni in provincia di Asti e di 51 comuni in provincia di Alessandria. Nizza Docg, altra declinazione del vitigno simbolo e assoluta eccellenza del territorio, e Ruchè di Castagnole Monferrato Docg, a tutela di uno dei vitigni autoctoni più rari coltivati nel Monferrato astigiano, sono parimenti testimoni del grande livello qualitativo che queste colline sono capaci di offrire.

Foto di apertura: gli ettari rivendicati per la produzione di Barbera Docg sono circa 4 mila

CONSORZIO BARBERA D’ASTI E VINI DEL MONFERRATO

piazza Vittorio Emanuele II 12, Costigliole d’Asti
0141.32.43.68
consorzio@viniastimonferrato.it
www.viniastimonferrato.it
Segui su Facebook

Attività realizzata con il contributo del MASAF, ai sensi del decreto direttoriale n. 553922 del 28 ottobre 2022 – CUP J88H22001700008

Tag: ,

© Riproduzione riservata - 09/05/2023

Leggi anche ...

Formaggi d’Italia: la Fontina, regina incontrastata del tagliere valdostano
In Italia
Formaggi d’Italia: la Fontina, regina incontrastata del tagliere valdostano

Leggi tutto

Vigna Michelangelo, la rinascita di un vigneto urbano di Firenze
In Italia
Vigna Michelangelo, la rinascita di un vigneto urbano di Firenze

Leggi tutto

Marchesi Antinori festeggia i 50 anni del Tignanello contribuendo al restauro del Ponte Vecchio
In Italia
Marchesi Antinori festeggia i 50 anni del Tignanello contribuendo al restauro del Ponte Vecchio

Leggi tutto