Gli interpreti del vino naturale in Friuli: la “nouvelle vague” del Carso

Gli interpreti del vino naturale in Friuli: la “nouvelle vague” del Carso

Se il Goriziano è la culla del movimento naturale italiano con il pioniere Josko Gravner, nel Carso si può parlare di una “nuova onda” di produttori concentrati sugli autoctoni Vitovska, Malvasia istriana, Terrano, che spesso vengono macerati e lasciati affinare a lungo.

Il Carso, provincia di Trieste, è zona di confine (vi confluiscono storicamente le culture slava, austro-ungarica, italiana) ed è zona estrema, dove la terra è poca (vi è spesso riportata) e dove i vigneti a picco sul mare, che ospitano gli irriducibili autoctoni del territorio Vitovska, Malvasia istriana, Terrano, crescono su rocce calcaree e ferrose di colore rossastro, spazzati dal vento della Bora e accarezzati dalle brezze dell’Adriatico.

Tag: , , , , ,

© Riproduzione riservata - 07/03/2021

Leggi anche ...

Vigna Michelangelo, la rinascita di un vigneto urbano di Firenze
In Italia
Vigna Michelangelo, la rinascita di un vigneto urbano di Firenze

Leggi tutto

Marchesi Antinori festeggia i 50 anni del Tignanello contribuendo al restauro del Ponte Vecchio
In Italia
Marchesi Antinori festeggia i 50 anni del Tignanello contribuendo al restauro del Ponte Vecchio

Leggi tutto

50 anni di storia del vino: da alimento a buon mercato a prodotto di culto
In Italia
50 anni di storia del vino: da alimento a buon mercato a prodotto di culto

Leggi tutto