Gli interpreti del vino naturale: Emilia Romagna

Gli interpreti del vino naturale: Emilia Romagna

Il vino naturale ha molteplici contraddizioni e molteplici declinazioni. Dopo la Valle D’Aosta, il nostro viaggio in Italia alla scoperta delle Cantine e delle persone che hanno sposato convintamente questa filosofia produttiva prosegue in Emilia Romagna.

Si dice Emilia Romagna, ma il nome accorpa di fatto due regioni antitetiche. Quando si dice Emilia Romagna, in genere ci si riferisce all’Emilia, o, almeno, chi pensa all’Emilia dice invariabilmente Emilia Romagna. Ed è altrettanto facile raffigurarsi il suo scenario: vaste pianure fertili, gustosi cibi grassi, una moltitudine di vini frizzanti. Che poi è esattamente quello che non c’è in Romagna. Ma anche qui non mancano le eccezioni.

Tag: , , , , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 14/10/2020

Leggi anche ...

Gli altri spumanti: la Puglia brinda in rosé
Dall'Italia
Gli altri spumanti: la Puglia brinda in rosé

Negroamaro e Susumaniello sul solco della vocazione cromatica Leggi tutto

Chianti Classico a colpo d’occhio (di drone)
Dall'Italia
Chianti Classico a colpo d’occhio (di drone)

Il Consorzio e il “cartografo del vino” Masnaghett Leggi tutto

Sound Sommelier vol. 13, il vino si può ascoltare
Dall'Italia
Sound Sommelier vol. 13, il vino si può ascoltare

Il vino? Si può ascoltare. Paolo Scarpellini (class Leggi tutto