Gli interpreti del vino naturale nell’Alto Piemonte

Gli interpreti del vino naturale nell’Alto Piemonte

Alla ricerca dei più interessanti produttori di vino naturale in Alto Piemonte, tra il Canavese e le colline Novaresi, fino a Carema. Nel regno di Spanna, Croatina e Vespolina, diversi vignaioli hanno lasciato la chimica e portato aria nuova.

Un tempo nascosto in una specie di cono d’ombra, poi lentamente riscoperto fino ad assurgere a zona d’essai citata da appassionati e degustatori tra l’alternativo e lo snob (“Preferisco di gran lunga un Ghemme o un Gattinara a un Barolo o a un Barbaresco”), il Nord Piemonte, o per meglio dire l’Alto Piemonte (l’ampia area che dal Canavese arriva alle Colline Novaresi, abbracciando le province di Novara, Vercelli e Biella), ha progressivamente accorciato la distanza mediatica, e conseguentemente la notorietà, che l’ha sempre separato dalle Langhe. Rilanciando la propria immagine di austera roccaforte del Nebbiolo, localmente chiamato Spanna, e di altri vitigni autoctoni, anche grazie a una serie di piccole realtà produttive che in tempi recenti hanno affiancato i nomi più celebri e storici del territorio.

Tag: , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 11/01/2021

Leggi anche ...

Albugnano 549, l’alto Nebbiolo del Basso Monferrato
Dall'Italia
Albugnano 549, l’alto Nebbiolo del Basso Monferrato

Nata nel 2017 per valorizzare il vitigno Nebbiolo Leggi tutto

Due chiacchiere con Andreas Kofler, neo presidente Consorzio Vini Alto Adige
Dall'Italia
Due chiacchiere con Andreas Kofler, neo presidente Consorzio Vini Alto Adige

Mercato interno, export, sostenibilità ambientale, Agenda 2030, denominazion Leggi tutto

Monografia Vermentino. In cantina è il sogno di ogni enologo
Dall'Italia
Monografia Vermentino. In cantina è il sogno di ogni enologo

Questo contenuto è riservato agli abbonati digita Leggi tutto