Wine business Wine business Riccardo Oldani

Digital marketing per vivere o scomparire

Digital marketing per vivere o scomparire

I consumatori di vino stanno rapidamente cambiando, anche per effetto della pandemia. Usano sempre più device digitali e social. E per questo il marketing deve reagire di conseguenza. I suggerimenti dell’esperta Polly Hammond per comunicare in modo efficace. L’alternativa è perdere visibilità e sparire dal mercato.

Negli ultimi 10 mesi i consumatori di vino sono cambiati in un modo e a una velocità senza precedenti. Il 33%, almeno negli Stati Uniti, ha sperimentato per la prima volta l’acquisto online. Il 50% non pensa di tornare alle modalità di acquisto di prima della pandemia. E i siti che vendono vino hanno aumentato i loro affari in modo vertiginoso, in alcuni casi anche del 500%. È partendo da questi dati che Polly Hammond, fondatrice e direttrice operativa della società di consulenza 5forests Wine Business Consultancy, introduce il tema delle nuove modalità di marketing nell’era post-covid. Un argomento che ha affrontato nel corso della serie di conferenze online di wine2wine, organizzata da Vinitaly, e di cui parla sempre più di frequente nei suoi webinar e negli incontri con i suoi clienti. «Perché», dice, «adattare le proprie strategie di  marketing al mondo del vino di oggi oppure continuare secondo le vecchie modalità equivale alla scelta tra vivere o morire».

Tag: , , , , ,

© Riproduzione riservata - 16/12/2020

Leggi anche ...

Cambi al vertice: le ultime nomine dai Consorzi e dalle Cantine
Wine business
Cambi al vertice: le ultime nomine dai Consorzi e dalle Cantine

Leggi tutto

Ius Naturae Bortolomiol è il primo vino al mondo certificato Epd
Wine business
Ius Naturae Bortolomiol è il primo vino al mondo certificato Epd

Leggi tutto

Arrivano i basket bond di filiera. E partono con il vino
Wine business
Arrivano i basket bond di filiera. E partono con il vino

Leggi tutto