Censis e Città del Vino: turismo enogastronomico in crescita

Censis e Città del Vino: turismo enogastronomico in crescita

Il nuovo turismo enogastronomico nel 2010 ha creato in Italia un giro d’affari compreso tra i 3 e i 5 miliardi di euro e ha mosso 4-5 milioni di persone che hanno scelto il nostro Paese per i viaggi wine & food.

Da registrare un importante cambiamento di tendenza: nella scelta non seguono più le mode bensì attraverso internet si individuano luoghi precisi in grado di soddisfare esigenze diverse: la gastronomia batte il vino come motivazione di viaggio ma si interseca con arte, ambiente, sport e wellness. Sono i dati salienti contenuti IX Rapporto annuale (marzo 2011) dell’Osservatorio sul Turismo del Vino in Italia “I nuovi dinamismi di un turismo di tendenza”.

Associazione Nazionale Citta del Vino

Il logo dell'Associazione Nazionale Città del Vino

Secondo la ricerca -promossa dall’Associazione nazionale Città del Vino e dal Censis servizi –  le vacanze sono sempre più brevi (solo un giorno nel 56% dei casi) e dislocate lungo tutto l’anno, ma gli eno-appassionati spendono di più: in media 193 euro al giorno a fronte  di 149 uro del 2003 (+18% al netto dell’inflazione).

Tra le nuove mete di tendenza Trentino, Valpolicella, Collio, Romagna, Maremma, Salento e Sicilia dove, specialmente i giovani, praticano lo “snapper” (snack + cena) e fanno “food shopping” cioè andare direttamente “alla fonte” della filiera per acquistare e assaggiare i prodotti. «Il turismo enogastronomico rappresenta un asset fondamentale per l’economia dei territori italiani – ha sottolineato il presidente delle Città del Vino, Giampaolo Piolilo sforzo sinora è caduto sulle spalle dei piccoli comuni ora però, per affrontare lo sviluppo del settore, ci sarebbe bisogno di una regìa nazionale».

Tag: , ,

© Riproduzione riservata - 01/04/2011

Leggi anche ...

Vinitaly non solo business, ma difesa del Sistema Italia
In Evidenza
Vinitaly non solo business, ma difesa del Sistema Italia

Leggi tutto

Red Circle esce da Masi, fine della querelle tra i Boscaini e Renzo Rosso
Wine business
Red Circle esce da Masi, fine della querelle tra i Boscaini e Renzo Rosso

Leggi tutto

Masi mette al centro la sostenibilità e diventa società benefit
Wine business
Masi mette al centro la sostenibilità e diventa società benefit

Leggi tutto