Cambi al vertice: le ultime nomine dai Consorzi e dalle Cantine

Cambi al vertice: le ultime nomine dai Consorzi e dalle Cantine

A Gavi torna Maurizio Montobbio, già alla guida del Consorzio nel triennio 2015-2018. Confermati i presidenti dell’Istituto TrentodocCerasuolo di Vittoria, Colli Berici e Vicenza, Asolo Prosecco e Vini del Montello. Le novità da Bolgheri (Ornellaia e Masseto) e San Michele all’Adige (Fem).

La nomina più recente è quella di Maurizio Montobbio, titolare della Tenuta Gazzolo, che lo scorso 30 aprile è stato eletto presidente del Consorzio tutela del Gavi. Per lui si tratta di un ritorno: ha già ricoperto questo ruolo nel triennio 2015-2018. 

Maurizio Montobbio, nuovo presidente del Consorzio Tutela Gavi
Maurizio Montobbio, nuovo presidente del Consorzio Tutela Gavi

Le prime dichiarazioni del presidente del Gavi Montobbio

«Sappiamo che, per uscire da questa crisi post pandemica, da più parti è chiesto all’economia italiana di essere in grado di attivare una transizione green e digitale», ha spiegato il neopresidente Montobbio.«Il Gavi Docg dovrà essere capace di fare di più e dare vita ad una vera e propria “transizione enologica”. Nuovi modelli per produrre, comunicare e vendere il vino in un contesto globale trasformato ed ancora in cambiamento». L’obiettivo annunciato è la costruzione di un nuovo paradigma di sostenibilità ambientale in cui «i produttori associati, le università e i centri di ricerca lavorino insieme per sostituire con la tecnologia applicata la chimica in vigneto e in cantina». L’idea è quella di vero e proprio patto con i consumatori, avvalendosi di buone pratiche produttive quali gli innovativi block chain.

Enrico Zanoni bis all’Istituto Trentodoc

Ci spostiamo in Trentino per ricordare la conferma di Enrico Zanoni, direttore generale Cavit. Nel corso dell’assemblea dei soci, tenutasi in modalità telematica a fine marzo, è stato confermato presidente dell’Istituto Trentodoc per il prossimo triennio.  «Il comparto Trentodoc è in costante crescita, sia come vendite che come numero di associati. Nei prossimi anni ci attendono nuove sfide che affrontiamo con un gruppo di produttori compatto ed un vino, il Trentodoc, che ha nel territorio trentino, la sua forza e distintività», ha spiegato a mezzo stampa il presidente Zanoni. «La nostra azione proseguirà nello sviluppo della comunicazione, visti i risultati conseguiti, ponendo al centro i consumatori finali dopo aver dedicato la nostra attenzione ai sommelier e al canale Horeca, Siamo convinti che su questa strada ci sia ancora molto da fare».

Silvio Dani, presidente del Consorzio dei Colli Berici e di Vicenza per il terzo mandato
Silvio Dani, presidente del Consorzio dei Colli Berici e di Vicenza per il terzo mandato

Silvio Dani resta al Consorzio dei Colli Berici e di Vicenza

Terzo mandato per Silvio Dani, che rimane alla guida del Consorzio dei Colli Berici e di Vicenza. Il produttore, titolare di un’azienda agricola a Sarego che porta il suo nome, è stato confermato durante la riunione del Cda lo scorso 18 marzo. «Il sistema Colli Berici e Vicenza Doc ha retto alla crisi dovuta alla pandemia Covid», ha affermato il presidente Dani. «Siamo fiduciosi e speriamo che nei prossimi mesi il turismo e l’enoturismo possano ripartire. Il nostro obiettivo è affiancare tutte le aziende socie per perseguire attività a sostegno del territorio e della sua promozione, per far conoscere i nostri vini non solo ai vicentini ma anche al mercato italiano ed internazionale. Il vino infatti può essere un traino importante per il rilancio del turismo e la promozione di tutte le bellezze artistiche, storiche, paesaggistiche, della nostra bellissima area berica e vicentina».

Ugo Zamperoni, presidente del Consorzio di tutela Asolo Prosecco e Vini del Montello
Ugo Zamperoni, presidente del Consorzio di tutela Asolo Prosecco e Vini del Montello

Ugo Zamperoni di nuovo al Consorzio Asolo Prosecco e Vini del Montello

Nel segno della continuità anche la rielezione di Ugo Zamperoni a capo del Consorzio di tutela Asolo Prosecco e Vini del Montello. Il produttore, titolare dell’azienda di famiglia a Maser, è stato rieletto al secondo mandato lo scorso 6 aprile. Le sue dichiarazioni ufficiali fanno il punto sulle performance delle bollicine Docg. «A fine anno, avevamo chiuso a quota 18,7 milioni di bottiglie, collocandoci per la prima volta al quarto posto assoluto del panorama spumantistico italiano, un posizionamento che ora si consolida ancora di più. A marzo del 2021, infatti, le certificazioni dell’Asolo Prosecco hanno già superato i 5,1 milioni di bottiglie, il che vuol dire che abbiamo venduto 1,1 milioni di bottiglie in più rispetto ai primi tre mesi del 2020, confermando pertanto ancora una volta il trend favorevole che ci accompagna ormai da parecchi mesi».

Achille Alessi, riceve nuovamente la nomina a presidente del Consorzio del Cerasuolo di Vittoria Docg e Vittoria Doc
Achille Alessi, riceve nuovamente la nomina a presidente del Consorzio del Cerasuolo di Vittoria Docg e Vittoria Doc

Achille Alessi confermato al Consorzio del Cerasuolo di Vittoria

Anche il Consorzio del Cerasuolo di Vittoria Docg e Vittoria Doc avrà lo stesso presidente per i prossimi tre anni. Si tratta di Achille Alessi, titolare dell’azienda vitivinicola Terre di Giurfo, che è stato rieletto lo scorso 22 marzo. «Riprendiamo il nostro lavoro di promozione, tutela e valorizzazione della Docg oltre che della Doc da dove “non” ci siamo fermati e lo facciamo con l’entusiasmo e la dedizione che ci ha contraddistinto, nonostante il difficile momento storico che stiamo attraversando a causa del Covid», ha commentato il presidente Alessi ringraziando il Consiglio di amministrazione e tutti i soci per la rinnovata fiducia nel suo mandato.

Mario Pezzotti nuovo dirigente del Fem

Chiudiamo la carrellata ricordando la nomina di Mario Pezzotti quale nuovo dirigente del Centro ricerca e innovazione della Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige. Professore ordinario di genetica agraria all’Università di Verona, è stato selezionato a fine marzo tra dieci candidati di alto profilo scientifico e resterà in carica per i prossimi tre anni presso il prestigioso istituto trentino.

Vianney Gravereaux, nuovo direttore vendite e marketing di Ornellaia e Masseto
Vianney Gravereaux, nuovo direttore vendite e marketing di Ornellaia e Masseto

Vianney Gravereaux alla direzione vendite di Ornellaia e Masseto

Sul fronte aziendale, la novità arriva da Bolgheri e precisamente dalle Tenute Ornellaia e Masseto. Lo scorso 25 marzo il ceo Giovanni Geddes da Filicaja ha annunciato l’ingresso di Vianney Gravereaux in qualità di direttore vendite e marketing al posto di Tim Banks, che ha ricoperto il ruolo per nove anni. Già responsabile internazionale delle vendite di Masseto, Vianney Gravereaux è francese di nascita ma multilingue per vocazione, con una vasta esperienza nel mondo dei fine wines. Ha lavorato per brand del calibro di Philipponnat, Salon e Peugeot Saveurs. Sarà il direttore vendite e marketing di Ornellaia e Masseto.

Tag: , , , , , , , , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 06/05/2021

Leggi anche ...

Il vino in lattina conquista i giovani francesi
Dal mondo
Il vino in lattina conquista i giovani francesi

Leggi tutto

Vinitaly Special Edition, l’anteprima straordinaria di Veronafiere
Dall'Italia
Vinitaly Special Edition, l’anteprima straordinaria di Veronafiere

Leggi tutto

Che cos’è e come funziona la U-Label
Wine business
Che cos’è e come funziona la U-Label

Leggi tutto