In Italia In Italia Emanuele Pellucci

Brunello 2012 in anteprima: un’annata memorabile

Brunello 2012 in anteprima: un’annata memorabile

Benvenuto Brunello ha chiuso col “botto” l’edizione 2017 delle Anteprime Toscane. Sicuramente tra le più interessanti degli ultimi anni, sia per l’alta qualità dei vini presentati dai diversi Consorzi di Tutela organizzatori della kermesse, sia per l’alto numero di addetti ai lavori e appassionati partecipanti. Aspetto da non sottovalutare, anche una settimana di tempo magnifico, che ha permesso ai giornalisti venuti da ogni parte del mondo di apprezzare ancora di più la Toscana, terra ricca di bellezze paesaggistiche e culturali.

L’annata al debutto

Montalcino e il Brunello hanno così chiuso nel migliore dei modi otto giorni di assaggi che hanno permesso di scoprire e valutare le migliori produzioni vinicole della regione. Per l’occasione, Montalcino ha dato il benvenuto al Brunello 2012 – l’annata che entra in commercio quest’anno – con un’incredibile serie di vini di altissima qualità, come non se ne vedeva da tempo.

Brunello 2012: qualità altissima e diffusa

Non c’è dubbio che in passato ci siano state altre straordinarie vendemmie a “cinque stelle” (come fu valutata a suo tempo la 2012), tra cui di recente anche la 2010, tuttavia accanto a vini di gran pregio coesistevano altri di minor qualità. In questo caso, invece, stando almeno alle varie decine di assaggi da noi effettuati, abbiamo trovato uno standard generale di altissimo livello.

Meno corpo, più eleganza

La schiera di Brunello 2012 si compone di vini meno corposi, potenti e, perché no?, meno carichi di legno (come in passato). Tutto a vantaggio di espressioni dai grandi profumi, tannini ben equilibrati, fini ed eleganti. Il Brunello alla sua massima espressione. Tanto che i commenti tra i giornalisti presenti a Montalcino non sono mai stati così favorevolmente unanimi.

Ancora 5 stelle al Brunello 2016

E al successo del debutto sul mercato dell’annata 2012 fanno riscontro anche le “cinque stelle” attribuite alla vendemmia 2016 dall’apposita commissione di esperti istituita dal Consorzio del Brunello di Montalcino. Comprensibilmente soddisfatto il commento del presidente, Patrizio Cencioni: «Il 2017 è per noi un anno importante, anche perché in aprile ricorrono i 50 anni della nostra associazione».

Cinquant’anni di Consorzio del Brunello

«Era infatti il 1967, all’indomani del riconoscimento della Doc, che il Consorzio si costituiva con lo scopo di tutelare il nostro grande vino», prosegue Cencioni. «Da allora alcune cose sono cambiate, le generazioni si sono succedute, ma il vino, la passione e la dedizione dei nostri produttori restano sempre le stesse, così come la loro capacità di trasformare un’uva pregiata in quello che è un marchio riconosciuto nel mondo».

Il Premio Leccio d’Oro 2017

Non solo Brunello 2012

A questa 25esima edizione di Benvenuto Brunello, che si svolta nelle storiche sale del complesso di Sant’Agostino, dove di recente si è trasferita anche la sede del Consorzio, la stampa internazionale è stata presente in massa (121 italiani e 117 stranieri) per valutare in anteprima non solo il Brunello 2012 (con relative “selezioni”) ma anche il Brunello Riserva 2011, il Rosso 2015 e pure il Moscadello e il Sant’Antimo.

Una scelta da rivedere

L’unica nota stonata, per quanto riguarda la stampa, in particolare quella che cura le guide, è stata di aver riservato un solo giorno, anziché i consueti due, all’assaggio dei vini in presenza dei sommelier, lasciando il secondo giorno agli eventuali assaggi ai banchetti dei produttori. Una formula che andrà rivista per il futuro.

Il Premio Leccio d’Oro

A chiusura dell’appuntamento montalcinese si è svolta nel rinnovato Teatro degli Astrusi la tradizionale consegna del Premio Leccio d’Oro ai ristoranti ed enoteche che si distinguono per la miglior carta o lista dei vini di Montalcino. I premi 2017 sono andati ai ristoranti “Del Cambio” di Torino ed “Era Ora” di Copenaghen. Per le enoteche invece il riconoscimento è andato a “N’ Ombra de Vin” di Milano e ad “A. Litteri” di Washington DC.

La tradizionale piastrella celebrativa

Premi speciali per i 50 anni del Consorzio ai locali montalcinesi “Bruno Dalmazio” per la sezione enoteche e “Il Giglio” per la sezione ristoranti. E infine, la comunicazione del rating della vendemmia 2016 (“cinque stelle”) con la successiva apposizione della piastrella celebrativa, firmata dalla Guida Rossa Michelin, sul muro dell’antico Palazzo Comunale.

Il vino di Montalcino in cifre

Qualche cifra in pillole: le bottiglie prodotte nel 2016 sono state 13.932.000 (Brunello 9.100.000, Rosso 4.500.000, Sant’Antimo 300.000, Moscadello 32.000), con una leggera contrazione rispetto all’anno scorso (-4,71%) dovuta al minor numero di bottiglie immesse sul mercato, a sua volta dovuto ad una minore produzione di uva nel 2011. Il giro d’affari del settore vitivinicolo a Montalcino si è attestato sui 170 milioni di euro.

Le nostre tasting notes

Fra i migliori assaggi di Brunello 2012 e Brunello Riserva 2011, abbiamo selezionato 11 etichette particolarmente meritevoli. Ecco le nostre schede di degustazione.

Solaria – Brunello di Montalcino Docg 2012

Area viticola: Montalcino
Uve: Sangiovese 100%
Prezzo: € 40
Voto: 95
Note tecniche: Fermentazione in acciaio con intensi rimontaggi iniziali, macerazione sulle vinacce; maturazione di 36 mesi in botti di rovere di media capacità, seguita da affinamento in bottiglia per altri 12 mesi
Descrizione: Colore rosso rubino profondo con riflessi granati, profumo avvolgente con frutto ampio, in bocca è ben strutturato, morbido con nerbo acido che mantiene freschezza
In due parole: Tipico ed elegante

Fanti Le Macchiarelle, Brunello di Montalcino Docg Riserva 2011

Area viticola: Montalcino
Uve: Sangiovese 100%
Prezzo: € 70
Voto: 93
Note tecniche: Vinificazione in acciaio per 35 gg., maturazione in tonneaux per 36 mesi e affinamento in bottiglia per altri 24 mesi
Descrizione: Colore rosso rubino molto intenso con leggeri riflessi granati, note bdi vaniglia, spezie dolci e leggero boisé accompagnati da sentori di amarena matura e confetture di prugne, vino morbido ed equilibrato
In due parole: La tradizione Fanti

Tenuta Le Potazzine Brunello di Montalcino Docg 2012

Area viticola: Montalcino
Uve: Sangiovese 100%
Prezzo: € 60
Voto: 93
Note tecniche: Fermentazione tradizionale con lieviti spontanei e continui rimontaggi e follature per oltre 30 gg., maturazione in botti di rovere di Slavonia da 30 e 50 hl per 42 mesi, affinamento in bottiglia per altri 8 mesi
Descrizione: Colore rosso rubino luminoso con note granate, aromi intensi ed eleganti di ribes, sensazioni balsamiche e salmastrose; al gusto note balsamiche integrate da fragranti frutti rossi, finale persistente
In due parole: Un vino vellutato

Salvioni Brunello di Montalcino Docg 2012

Area viticola: Montalcino
Uve: Sangiovese 100%
Prezzo: € 110
Voto: 92
Note tecniche: Fermentazione in acciaio con frequenti rimontaggi, maturazione per 36 mesi in botti da 18-22 hl in rovere di Slavonia, affinamento in bottiglia per altri 12 mesi
Descrizione: Colore rosso rubino intenso, al naso presenta aromi di sottobosco con evidente frutto a bacca rossa e ciliegia matura, caldo, morbido e persistente in bocca
In due parole: Un Brunello che non delude mai

Lisini Brunello di Montalcino Docg 2012

Area viticola: Montalcino
Uve: Sangiovese 100%
Prezzo: € 40
Voto: 92
Note tecniche: Vinificazione in acciaio con macerazione sulle bucce per 18-24 gg.; fermentazione malolattica, maturazione in botti di rovere di Slavonia di 11-40 hl per 42 mesi, più affinamento in bottiglia per altri 6-8 mesi
Descrizione: Colore rosso rubino intenso con leggeri riflessi granato, armonico e leggermente tannico, esprime note marcate di ciliegia e altri frutti rossi maturi, note balsamiche, tannini fini e lunga persistenza in bocca
In due parole: Da sempre tra i cru del Brunello

Tenuta Il Poggione Brunello di Montalcino Docg 2012

Area viticola: Montalcino
Uve: Sangiovese 100%
Prezzo: € 40
Voto: 92
Note tecniche: 15-20 gg. “a cappello sommerso” in vasche di acciaio con lieviti indigeni, malolattica in acciaio, maturazione di 36 mesi in grandi botti di rovere francese seguito da un lungo affinamento in bottiglia
Descrizione: Colore rosso rubino, al naso è intenso e persistente con note di frutti rossi; in bocca è caldo, bilanciato, con tannini vellutati e una lunga persistenza aromatica
In due parole: Garanzia di invecchiamento ottimale

Le Chiuse Brunello di Montalcino Docg 2012

Area viticola: Montalcino
Uve: Sangiovese 100%
Prezzo: € 55
Voto: 92
Note tecniche: Fermentazione in acciaio, maturazione in botti di rovere di Slavonia da 20-20 hl per 34 mesi, quindi riassemblato e messo in bottiglia per un ulteriore vaffinamento
Descrizione: Colore rosso rubino intenso con leggeri riflessi granati e cerasuoli, note fruttate di marasca e prugna, balsamiche e minerali; in bocca è avvolgente ma non aggressivo
In due parole: Un Brunello che gioca sulla finezza

Il Marroneto Brunello di Montalcino Docg 2012

Area viticola: Montalcino
Uve: Sangiovese 100%
Prezzo: € 60
Voto: 90
Note tecniche: Vinificazione in acciaio con rimontaggi continui per i primi 2 gg.; la fermentazione dura circa 11-12 giorni; maturazione in botti di rovere da 25 q. per 39 mesi, affinamento in bottiglia per altri 10 mesi
Descrizione: Colore rosso rubino intenso, ampi profumi fruttati, note balsamiche, tannini fini e persistenza finale
In due parole: L’espressione della personalità del produttore

Altesino Montosoli, Brunello di Montalcino Docg 2012

Area viticola: Montalcino
Uve: Sangiovese 100%
Prezzo: € 65
Voto: 90
Note tecniche: Fermentazione in acciaio con rimontaggi e follature manuali; maturazione di 24 mesi in botti di rovere di Slavonia e 3-4 mesi in barrique Allier di media totatura, sui segue l’affinamento in bottiglia per altri 4 mesi
Descrizione: Colore rosso rubino che sfuma nel granato con l’invecchiamento, profumo ampio, etereo con note di amarena, more, lampone viola, liquirizia, vaniglia e accenni di pepe roisa; in bocca è caldo, vellutato.
In due parole: Un grande vino da meditazione

Baricci – Brunello di Montalcino Docg 2012

Area viticola: Montalcino
Uve: Sangiovese 100%
Prezzo: € 40
Voto: 90
Note tecniche: Vinificazione tradizionale con estrazione intensa con frequenti rimontaggi, macerazione sulle bucce per 18-20 gg., maturazione in botti di rovere di Slavonia per 36 mesi, cui fa seguito l’affinamento in bottiglia per altri 12 mesi
Descrizione: Colore rosso rubino intenso con leggeri riflessi granato, armonico e leggermente tannico, esprime note marcate di ciliegia e altri frutti rossi, vino fine ed elegante da lungo invecchiamento
In due parole: Tra le migliori espressioni del cru Montosoli

Col d’Orcia Poggio al Vento, Brunello di Montalcino Docg Riserva 2010

Area viticola: Montalcino
Uve: Sangiovese 100%
Prezzo: € 80
Voto: 90
Note tecniche: Fermentazione a temperatura controllata di 28° C in tini di acciaio da 50 e 60 hl per poter selezionare le diverse aree del vigneto in modo ottimale; affinamento per 3 anni in botti di rovere di Allier e di Slavonia da 25 e 75 hl. All’imbottigliamento sono seguiti circa 16 mesi di affinamento in bottiglia
Descrizione: Colore rosso rubino intenso, note fruttate integrate a speziate, vino potente e armonico, con tannini ben maturi e avvolgenti in equilibrio con una piacevole acidità; retrogusto fruttato, lungo e persistente
In due parole: Vino da lunghissimo invecchiamento

Tag: , , , , ,

© Riproduzione riservata - 21/02/2017

Leggi anche ...

Caccia al Piano: i 20 anni della famiglia Ziliani a Bolgheri
In Italia
Caccia al Piano: i 20 anni della famiglia Ziliani a Bolgheri

Leggi tutto

Cosa succede nelle terre del Cerasuolo di Vittoria
In Italia
Cosa succede nelle terre del Cerasuolo di Vittoria

Leggi tutto

Cosa ribolle in Cantina? Una panoramica sulle ultime novità di gamma
In Italia
Cosa ribolle in Cantina? Una panoramica sulle ultime novità di gamma

Leggi tutto