Antinori compra Jermann

Antinori compra Jermann

Antinori, nome di culto del vino toscano, ha acquistato le quote di maggioranza dell’azienda friulana Jermann, famosa per il Vintage Tunina. Alla definizione dell’accordo, i cui dettagli economici non sono noti, ha contribuito l’amicizia personale tra Piero Antinori e Silvio Jermann.

La notizia è di quelle che non capita di dare tutti i giorni. Antinori, faro dell’enologia toscana nel mondo, ha acquisito le quote di maggioranza della storica azienda friulana Jermann. Nell’accordo, i cui dettagli economici non sono stati resi noti, ha avuto un ruolo importante l’amicizia personale tra il marchese Piero Antinori, presidente onorario di Marchesi Antinori, e Silvio Jermann, alla guida della Casa vinicola fondata dal trisavolo Anton nel 1881.

Le prime dichiarazioni di Silvio Jermann e Piero Antinori

«La collaborazione con Antinori è un nuovo inizio, una decisione presa per affrontare al meglio i tempi che viviamo, nel segno della tradizione familiare», ha detto a mezzo stampa Silvio Jermann. «Condividiamo con Silvio gli stessi valori di rispetto per la tradizione familiare, passione per le sfide e per la terra. Il nostro desiderio è quello di garantire sviluppo e continuità in piena collaborazione con Silvio Jermann e con quanto ha fatto in questi 40 anni», è stata la replica di Piero Antinori.

Le due Cantine nel Goriziano

Jermann è tra i nomi di punta dell’enologia friulana e oggi può contare su una superficie di 200 ettari, di cui 170 vitati e 20 già convertiti al biologico. La sede storica si trova a Villanova di Farra di Isonzo a cui, nel 2007, si è aggiunta la Cantina di Ruttars, in frazione di Dolegna del Collio, che è certificata Casa Clima Wine.

La rivoluzione del Vintage Tunina

Il vino più celebre della Cantina è l’iconico Vintage Tunina, blend di Chardonnay, Sauvignon blanc, Ribolla gialla e Malvasia parzialmente affinati in legno. A crearlo fu proprio Silvio Jermann nel 1975 al rientro da una lunga esperienza di lavoro oltreoceano. Già nel 1979 Luigi Veronelli lo definiva “il Mennea dei vini italiani” e non meno lusinghieri si sono dimostrati i punteggi della critica italiana e internazionale. La produzione di Vintage Tunina si attesta sulle 65 mila bottiglie all’anno; il prezzo medio è di 40-50 euro.

Antinori nel Nord Italia

L’acquisizione di Jermann da parte di Antinori allarga il raggio d’azione sul Nord Italia, con una decisa virata verso Est. Nel mosaico di aziende di proprietà, infatti, fanno già parte Tenuta Montenisa in Franciacorta e Prunotto nelle Langhe.

Tag: , , , ,

© Riproduzione riservata - 05/03/2021

Leggi anche ...

Gli hard seltzer conquisteranno anche l’Europa?
Wine business
Gli hard seltzer conquisteranno anche l’Europa?

Leggi tutto

Il vino americano nell’era post-Covid, le previsioni della Silicon Valley Bank
Wine business
Il vino americano nell’era post-Covid, le previsioni della Silicon Valley Bank

Leggi tutto

Dal 2 al 10 ottobre torna la Milano Wine Week. Ecco come sarà la IV edizione
Wine business
Dal 2 al 10 ottobre torna la Milano Wine Week. Ecco come sarà la IV edizione

Leggi tutto