Vini Alto Adige Doc. Eccellenza e sostenibilità a marchio europeo

Vini Alto Adige Doc. Eccellenza  e sostenibilità a marchio europeo

La formula vincente, che rende inimitabili le etichette altoatesine, è il frutto di una specifica combinazione di fattori umani e ambientali. Insieme contribuiscono a creare in questo territorio montano privilegiato le condizioni ideali affinché nascano ottimi prodotti

I vini Alto Adige Doc si distinguono per i loro aromi primari, alla cui formazione contribuiscono l’ottima insolazione e l’elevata escursione termica in tutte le fasi fenologiche della vite. L’Alto Adige è una terra ad alta densità di vini Doc: più del 98% della superficie vitata è tutelata da questa certificazione. Alla base del carattere inimitabile dei vini Alto Adige Doc vi è un connubio perfetto tra fattori ambientali e umani. Il profondo rispetto per la natura, un modello agricolo basato su piccole aziende a carattere familiare e improntato alla cooperazione, l’occhio esigente e lungimirante: questi elementi sono la chiave per garantire un presente di qualità guardando a un futuro ancora migliore.

L’eccellenza nasce dai contrasti

I vini Alto Adige Doc devono la loro unicità all’area montana in cui hanno origine, punto d’incontro tra l’ambiente alpino e quello mediterraneo, nonché alla combinazione di valori tra loro contrapposti, quali: tradizione e innovazione, progettazione e intuizione, qualità e creatività, spontaneità e affidabilità.

I vigneti si trovano tra i 200 e i 1000 metri di quota

La varietà e l’alta qualità garantita

La peculiarità della produzione vinicola dell’Alto Adige consiste nell’ampia base ampelografica. I vigneti dove nascono i vini Alto Adige Doc, situati tra i 200 e i 1000 metri di quota, sono fortemente caratterizzati dall’ambiente montano e offrono una diversità climatica che negli ultimi due secoli ha permesso di introdurre nuovi vitigni, accanto a quelli tradizionali, fino ad arrivare a ben 20 varietà, tra cui: Lagrein, Schiava, Gewürztraminer, Pinot bianco, Sauvignon e Pinot nero.

Doc e Dop

Il termine Doc indica la Denominazione di origine controllata. È una sigla italiana utilizzata in enologia, che a livello europeo è rappresentata dal marchio Dop (Denominazione di origine protetta). I prodotti a marchio Dop devono attenersi a delle rigide regole stabilite nei disciplinari e le loro caratteristiche dipendono essenzialmente o esclusivamente proprio dalla loro origine geografica, come nel caso dei vini Alto Adige Doc.

Questo articolo è tratto da Civiltà del bere 2/2019. Se sei un abbonato digitale, puoi leggere e scaricare la rivista effettuando il login. Altrimenti puoi abbonarti o acquistare la rivista su store.civiltadelbere.com (l’ultimo numero è anche in edicola). Per info: store@civiltadelbere.com

Tag:

© Riproduzione riservata - 17/06/2019

Leggi anche ...

Dove cenare a Firenze (e a Prato). Le nuove mete gastronomiche
Dall'Italia
Dove cenare a Firenze (e a Prato). Le nuove mete gastronomiche

Quali sono le ultime novità della ristorazione (aperture, Leggi tutto

La Valpolicella blocca gli impianti per arginare il fenomeno Amarone
Dall'Italia
La Valpolicella blocca gli impianti per arginare il fenomeno Amarone

Blocco totale degli impianti in Valpolicella per tr Leggi tutto

L’Abbuoto è felice solo nel suo terroir d’origine
Dall'Italia
L’Abbuoto è felice solo nel suo terroir d’origine

L’Abbuoto è un’uva a bacca rossa originaria d Leggi tutto