Dal mondo Dal mondo Civiltà del bere

Penfolds si separa da Treasury Wine Estates

Penfolds si separa da Treasury Wine Estates

Il famoso marchio australiano di vini premium Penfolds sta per separarsi dall’azienda “madre”. L’obiettivo è concentrarsi su nuove strategie di espansione globale nel settore dei luxury wines.

Il mitico Penfolds Grange è uno dei vini di punta di Treasury Wine Estates (TWE), la più grande azienda vinicola australiana. Ma la società sta mettendo a punto un piano per scindere il suo marchio di punta in una società separata. Il piano di scissione, da realizzare entro fine anno, è uno dei passaggi chiave della revisione strategica di Treasury Wine, come ha annunciato all’Australian Securities Exchange. Se verrà portato a termine, il giro d’affari di Penfolds sarà il più grande dei due e la “New TWE” si concentrerà su un portafoglio ridotto di marchi commerciali. Il progetto rispecchia il modello operativo interno di TWE, che è focalizzato su una gestione separata per i portafogli di lusso rispetto a quelli commerciali a livello globale.

Penfolds, una storia lunga quasi 200 anni

Penfolds è stata fondata a Magill (vicino ad Adelaide, nel South Australia) nel 1844, e produce il vino più iconico del Paese: il Penfolds Grange. Oggi a Magill Estate esistono ancora la porta della cantina e un piccolo vigneto, ma la produzione è stata trasferita nella vicina Barossa Valley. La famiglia Penfold ha venduto la società nel 1976, poi passata al Gruppo Foster dal 2005. Infine, Treasury Wine Estates è stata costituita nel 2011.

Michael Clarke, ceo di Treasury Wine Estates

Penfolds vale metà del fatturato di Treasury Wine Estates

Prima della pandemia di Covid-19, un boom delle esportazioni cinesi ha portato a un utile netto nel 2018/19 di 419,5 milioni di dollari per TWA. Penfolds rappresenta circa il 10% del volume di Treasury Wine, ma ben oltre la metà dei suoi guadagni: lo sottolinea l’amministratore delegato Michael Clarke. «Una potenziale scissione aumenterebbe la capacità di TWE e di Penfolds di perseguire le proprie priorità strategiche, fornendo un profilo di crescita a lungo termine più forte», ha spiegato.

Una separazione che apre scenari di successo

Tim Ford, direttore operativo di TWE e futuro ceo a partire da luglio (al posto di Clarke), spiega: «Queste iniziative incentiveranno la distinzione fra i due target (commerciale e lusso). Saranno implementate in modo ordinato nel tempo per massimizzare i potenziali guadagni sulle vendite degli asset, ridurre al minimo l’impatto dei costi una tantum associati e minimizzare le interruzioni delle performance aziendali, garantendo al contempo che i benefici non siano compromessi dalle attuali condizioni economiche o del mercato dei capitali».

Tag: , , , ,

© Riproduzione riservata - 16/04/2020

Leggi anche ...

Uva criolla, il gusto della storia conquista l’Argentina
Dal mondo
Uva criolla, il gusto della storia conquista l’Argentina

Nonostante l’origine francese, è noto come da divers Leggi tutto

La regione austriaca Wachau diventa Dac
Dal mondo
La regione austriaca Wachau diventa Dac

Wachau Dac: ora è ufficiale. Anche questa region Leggi tutto

La Caravedo, il Pisco al femminile
Dal mondo
La Caravedo, il Pisco al femminile

Anche il Perù ha la sua distilleria a Leggi tutto