Wine business Wine business Luigi Pelliccia

Nel 2020 guardiamo oltre le guerre commerciali

Nel 2020 guardiamo oltre le guerre commerciali

Nonostante i problemi a livello internazionale, l’anno appena concluso conferma buone prospettive per il vino e per tutto il food&beverage del Paese. I dazi Usa hanno colpito dove fa male, ma non hanno intaccato le potenzialità di settore.

L’appesantimento del quadro economico nazionale, emerso a metà anno, è stato confermato dai dati più recenti. È vero: l’espansione del Pil è rallentata in molti Paesi leader dell’area occidentale. Ma rimane il fatto che l’Italia continua a distinguersi per la sua posizione di coda. Il Pil del Paese è previsto infatti, a consuntivo 2019, su un tasso simbolico del +0,2%, dopo la striscia di aumenti fra il +0,8% e il +1,7% registrata nel quadriennio 2015-18. La forbice negativa rispetto al Pil 2007 pre-crisi rimane inquietante, attorno ai quattro punti: fenomeno unico e penalizzante fra i grandi Paesi dell’area comunitaria.

Il problema è la bassa produttività

Le guerre commerciali in atto hanno creato incertezza nei flussi di investimento internazionali, raffreddando la macchina produttiva globale. Non a caso, l’espansione del commercio internazionale 2019 si è ridotta ad appena il +1,2%: un tasso esiguo, che inceppa alla base il processo di crescita del pianeta. Le prospettive 2020 sono tuttavia migliori e dovrebbero segnare un tasso doppio, attorno al +2,4%.
Il Paese continua a essere gravato, comunque, da un forte e specifico problema di bassa produttività. Il Pil nazionale per ora lavorata cresce mediamente del +0,3% annuo, che significa 6 o 7 volte meno rispetto ai maggiori partner europei. In generale, la produttività del capitale risulta ancora più penalizzata di quella del lavoro. La scommessa dell’industria nazionale è quella, improba, di mantenersi competitiva in un sistema affannato.


L’alimentare emerge nel panorama nazionale

Eppure, secondo le anticipazioni Istat aggregate sui primi 10 mesi dell’anno, l’export complessivo del Paese, dopo il +3,1% in valore messo a segno nel consuntivo 2018, ha mantenuto, col +2,7%, un passo molto vicino. A fianco, l’export dell’industria alimentare è salito, dal +3,4% del 2018 al +6,9%.
In realtà, il food&beverage nazionale, nel corso del 2019, si è distinto per un trend congiunturale ai vertici, nel ventaglio manifatturiero nazionale. La produzione alimentare ha evidenziato un passo espansivo solido e largamente premiante. Nei primi 10 mesi 2019 essa ha spuntato, infatti, un progresso del +3,2% a parità di giornate lavorative, sullo stesso periodo 2018, che è quasi triplo rispetto al consuntivo 2018 (+1,1%). E ha aperto una forbice di 4,4 punti sul -1,2% accusato in parallelo dalla produzione industriale nel suo complesso.
Nell’ottobre 2019 il fatturato dell’industria alimentare è cresciuto del +3,8%, contro il -0,2% del totale industria.
Esso, grazie al combinato disposto del trend di produzione e dei prezzi alla produzione (che hanno registrato un +1,0% nel confronto di fine anno), dovrebbe raggiungere così, con una valutazione prudenziale, quota 145 miliardi a consuntivo 2019, con un netto progresso sui 140 miliardi del 2018.

Quasi il 90% della rappresaglia Usa diretta all’Italia è stato accollato al food&beverage nazionale

La ferita daziaria

L’export specifico di gennaio-settembre dell’industria alimentare (l’ultimo con i dati disaggregati di comparto) ha registrato una quota di 25 miliardi 965 milioni di euro. Ne esce una variazione del +5,9% sui primi 9 mesi 2018.
Le anticipazioni Istat aggregate sui 10 mesi indicano, tuttavia, un rilancio del tendenziale al +6,9%.

L’articolo prosegue su Civiltà del bere 1/2020. Se sei un abbonato digitale, puoi leggere e scaricare la rivista effettuando il login. Altrimenti puoi abbonarti o acquistare la rivista su store.civiltadelbere.com (l’ultimo numero è anche in edicola). Per info: store@civiltadelbere.com

Tag: ,

© Riproduzione riservata - 13/02/2020

Leggi anche ...

Masi e Santa Margherita Usa insieme sul mercato americano
Dal mondo
Masi e Santa Margherita Usa insieme sul mercato americano

Siglato un importante accordo fra Masi Agricola Leggi tutto

Pinot grigio delle Venezie, un 2019 da ricordare
Wine business
Pinot grigio delle Venezie, un 2019 da ricordare

Nonostante il momento difficile, nel 2019 il Pinot Leggi tutto

Le novità di Vinitaly 2020
Dall'Italia
Le novità di Vinitaly 2020

Alla fiera del vino di Verona, che s Leggi tutto