Dall'Italia Dall'Italia Civiltà del bere

Masterclass Milano Wine Days: dal Pinot noir ai vini vulcanici

Masterclass Milano Wine Days: dal Pinot noir ai vini vulcanici

Milano Wine Days: comincia il countdown. Domenica 5 e lunedì 6 novembre al Museo dei Navigli (vedi google maps) debutta la due giorni di Civiltà del bere. Masterclass, degustazioni guidate e un grande walk-around tasting con 223 etichette d’Italia e Alsazia, che raduna ai banchi d’assaggio 63 protagonisti dell’enologia d’autore. L’ingresso (20 euro, ridotto a 15 per abbonati e professionisti) è dalle ore 15 alle 20. 

Cinque masterclass | Milano Wine Days

I cinque wine tasting guidati in programma sono condotti da grandi professionisti del settore, i cui contributi compaiono spesso fra le nostre pagine: Paolo Basso, Luciano Ferraro, Aldo Fiordelli, Roger Sesto. Si tratta di masterclass dedicate a temi di grande interesse per il vino contemporaneo, ispirate alle monografie di Civiltà del bere. Ogni incontro prevede la degustazione di cinque vini.

 

 

Pinot noir: un confronto mondiale

Domenica 5 novembre, ore 15.30. Conduce Aldo Fiordelli.

Nel mondo rappresenta il 2% della superficie vitata, eppure il Pinot nero è uno dei vitigni più ambiti e temuti. È considerato volubile, capriccioso, esigente e costringe viticoltori ed enologi a una tensione ideale, quasi filosofica. Ma le sue migliori espressioni fanno toccare il cielo con un dito.

In degustazione cinque espressioni di Pinot nero da cinque regioni produttive che lo esprimono al meglio: Oltrepò Pavese (Italia), Borgogna e Alsazia (Francia), Oregon (Usa), Marlborough (Nuova Zelanda)

Conte Vistarino – Pernice, Provincia di Pavia Igt 2013
Marquis d’Angerville, Volnay 1er Cru Champans Aoc 2013
Gilbert Ruhlmann Fils – Pinot noir Alsace Aoc 2015
Maison Louis Jadot – Résonance Vineyard Pinot noir Willamette Valley, Oregon 2014
Cloudy Bay – Pinot noir  2015

 

 

Valle di Cembra: grandi bianchi di montagna

Domenica 5 novembre, ore 17.30. Conduce Roger Sesto

Chilometri e chilometri di terrazzamenti aggrappati a ripidi versanti: appena 700 ettari vitati che raggiungono anche 850 metri di altitudine. Questa è la viticoltura eroica della Valle di Cembra, sottozona del Trentino particolarmente vocata per Müller Thurgau, Riesling renano e altri bianchi di montagna.

In degustazione:

Opera – Nature Trentodoc 2011
Corvée – Cór, Trentino Pinot bianco Doc 2016
Villa Corniole – Pietramontis, Trentino Superiore Val di Cembra Müller Thurgau Doc 2016
Zanotelli – Vigneti delle Dolomiti Kerner Igt 2016
Pelz – Trentino Riesling renano Doc 2014

 

 

Viaggio nel tempo: 5 decenni 5 vini 5 storie

Lunedì 6 novembre, ore 12.30. Conduce Luciano Ferraro

Ripercorriamo cinquant’anni della storia enologica d’Italia in compagnia di cinque vini cult, ciascuno protagonista di un decennio specifico. Una selezione di miti al di là del tempo.

anni ’60 • Bertani – Amarone della Valpolicella Classico Superiore Doc 1967
anni ’70 • Lungarotti – Rubesco Vigna Monticchio, Torgiano Rosso Riserva Doc 1974
anni ’80 • Argiolas – Turriga, Isola dei Nuraghi Igt 2008*
anni ’90 • Marchesi Antinori – Solaia, Toscana Igt 2006*
anni ’00 • Planeta – Cometa, Sicilia Menfi Doc 2010
*proposti in annate più recenti

 

 

Champagne: questione di stile

Lunedì 6 novembre, ore 15.30. Conduce Paolo Basso

Tutti amano lo Champagne, ma pochi lo conoscono davvero a fondo. Paolo Basso, miglior sommelier del mondo Asi 2013, è indiscutibilmente fra i massimi esperti in materia. Insieme a lui confrontiamo cinque Maison e il loro stile peculiare.

Perrier Jouët – Belle Epoque 2008
Bruno Paillard – N.P.U. Nec Plus Ultra 2003
Bollinger – R.D. 2002
Duval-Leroy – Femme de Champagne Grand Cru Brut NV
Dom Pérignon – P2 Vintage 2000

 

 

Vini vulcanici: la nuova poesia

Lunedì 6 novembre, ore 17.30. Conduce Roger Sesto

Il tema dei vini vulcanici in Italia e del loro particolare rapporto con il terroir di origine è tra i più dibattuti dell’ultimo decennio. Vediamo come le differenze tra suoli magmatici influenzano le caratteristiche dei vini che ne derivano.

Bertani – Vintage, Soave Doc 2015
Maeli – Bianco Infinito, Fior d’Arancio Colli Euganei Docg 2015
Passopisciaro – Contrada Chiappemacine, Terre Siciliane Igt 2015
Re Manfredi – Serpara, Aglianico del Vulture Superiore Docg 2011
Tasca d’Almerita – Tenuta Capofaro, Salina Malvasia Igt 2016

Tag: , , , ,

© Riproduzione riservata - 26/10/2017

Leggi anche ...

Dove cenare a Messina. Le nuove mete gastronomiche.
Dall'Italia
Dove cenare a Messina. Le nuove mete gastronomiche.

Quali sono le ultime novità della ristorazione (aperture, Leggi tutto

Torre Rosazza ritrova la sua casa
Dall'Italia
Torre Rosazza ritrova la sua casa

Torre Rosazza interpreta l’unicità del territorio friulano in Leggi tutto

Il Verdello ha il “suo” sperimentatore
Dall'Italia
Il Verdello ha il “suo” sperimentatore

Così chiamato per il colore verdastro dell’acino anc Leggi tutto