Dall'Italia Dall'Italia Roger Sesto

Lumassina, un carro armato che patisce l’umidità

Lumassina, un carro armato che patisce l’umidità

La Lumassina è un vitigno ormai sopravvissuto solo sulla costa tra Savona e Finale Ligure e nel relativo entroterra. È una varietà resistente alle malattie, a patto che non vi siano eccessive piogge, soprattutto alla flavescenza dorata e al mal dell’esca. Può raggiungere i 60-80 anni di vita ed è anche assai produttiva e fortemente vegetativa.

Morfologicamente il grappolo si presenta molto compatto, con acini piccoli e dalla buccia sottile. Da qui i suoi “mal di pancia” nelle annate piovose, quando il marciume è dietro l’angolo. Importante diventa quindi la potatura verde, per arieggiare il grappolo pur evitando di esporlo direttamente ai raggi solari, e aiutare la pelle dell’acino a ispessirsi.

La Lumassina ha bisogno di spazio

«Sono entusiasta di poter parlare della Lumassina (o Buzzetto, o Mataosso), che ormai si trova solo in questa zona ed è molto adatta per una sua vinificazione in purezza». Così esordisce Riccardo Sancio, titolare di Cantina Sancio di Spotorno (Savona). «Necessita di spazio tra una pianta e l’altra (almeno 1,20 m), mentre le alte densità sono controproducenti, anche per l’esuberanza della superficie fogliare; un tempo le piante più vecchie raggiungevano i 3 metri di altezza», aggiunge.

 

Il grappolo compatto dai piccoli acini di Lumassina

 

In vigna l’ideale è il Guyot bilaterale

D’altra parte tale vigoria non può essere contenuta con potature corte, ricorrendo magari al cordone speronato o all’alberello. Ciò perché la Lumassina, non avendo gemme basali fertili, non riuscirebbe in tal modo a produrre frutti; pertanto l’ideale è il Guyot bilaterale. «Tutto questo comporta che, per raggiungere una gradazione alcolica di almeno 11,5%, è necessario effettuare sostanziali diradamenti».

Le tre versioni di Cantina Sancio

«Produco tre Lumassina», racconta Sancio. «Una Colline Savonesi Igt, da uve raccolte tardivamente, non sottoposte a macerazione pellicolare (che infonderebbe sentori erbacei), vinificate in bianco a 16 °C e con affinamento sulle fecce fini sino a gennaio. Una versione frizzante, prodotta con il metodo Charmat, chiamata Lilaria, che purtroppo essendo imbottigliata fuori zona non può essere etichettata come Igt e non mi è permesso menzionare il nome del vitigno. E l’originale Marì, frutto della collaborazione con Cascina Praiè di Andora (Savona).

 

Riccardo Sancio in cantina

 

Lumassina Marì, vinificata a quattro mani

Marì è una Lumassina in purezza caratterizzato da un blocco fermentativo a freddo, quando vi sono ancora 14 g/l di zuccheri naturali da svolgere. Il vino così ottenuto viene inoculato con lieviti baianus e si imbottiglia senza l’aggiunta finale di solfiti, con una conseguente leggera rifermentazione e la presenza delle fecce fini in bottiglia».

Per conoscere gli altri autoctoni della Liguria clicca qui

L’articolo prosegue su Civiltà del bere 5/2017. Se sei un abbonato digitale, puoi leggere e scaricare la rivista effettuando il login. Altrimenti puoi abbonarti o acquistare la rivista su store.civiltadelbere.com (l’ultimo numero è anche in edicola). Per info: store@civiltadelbere.com

Tag: , , , ,

Leggi anche ...

Biodinamica per il vino: c’è un corso di alta formazione
Dall'Italia
Biodinamica per il vino: c’è un corso di alta formazione

Torna nel 2019 Biodinamica per il vino, la settimana Leggi tutto

Feudo Arancio, la rinascita di Hedonis Riserva
Dall'Italia
Feudo Arancio, la rinascita di Hedonis Riserva

Il rosso da Nero d’Avola dell’azienda siciliana d Leggi tutto

Groppello gentile e soffice come cachemire
Dall'Italia
Groppello gentile e soffice come cachemire

Patria del Groppello gentile è la sponda d Leggi tutto