La tavola rotonda di “Un vino per l’estate” dedicata ai trend di consumo

La tavola rotonda di “Un vino per l’estate” dedicata ai trend di consumo

Non solo wine-tasting a Un vino per l’estate. La riuscita festa estiva organizzata il 21 giugno da Civiltà del bere con il patrocinio del Comune di Milano e lo sponsor tecnico Italesse alla Cascina Cuccagna è stata l’occasione per fare il punto sulle ultime tendenze. Dalle 17 alle 18 è andata in scena la tavola rotonda “Bere d’estate, nuovi stili di consumo”, moderata dal direttore di Civiltà del bere Alessandro Torcoli con relatori quattro donne impegnate a vario titolo nel mondo dell’enologia italiana: Elena Amadini, brand manager wine & food di Veronafiere, Silvia Allegrini, produttrice dell’omonima Cantina di Fumane di Valpolicella (Verona), l’enologo toscano Barbara Tamburini e la giornalista enogastronomica milanese Maria Cristina Beretta.

Durante gli indirizzi di saluto direttore Torcoli si è detto soddisfatto dell’attenzione mediatica suscitata dall’evento (e poi confermata dalla grande affluenza: oltre 500 persone) e  della partecipazione dell’amministrazione pubblica comunale, che ha riconosciuto in questa iniziativa l’impegno a valorizzare il cosiddetto “bere responsabile”, moderato, “informale ma informato”, da condividere e trasmettere soprattutto ai più giovani.

Entriamo ora nel vivo del dibattito. La brand manager di Veronafiere Elena Amadini ha spiegato come, in un momento di difficoltà come quello attuale: «I produttori devono parlare non solo agli enoappassionati ma cercare di proporsi e sedurre anche i non bevitori. E per farlo non bisogna certo spiegare i concetti di barrique, fermentazioni o solfiti, bensì comunicare una storia, proporre un racconto che parte da un’occasione di consumo e si fa stile di vita. Con un linguaggio più fresco, immediato, in grado di suscitare curiosità, a cui si lega ovviamente la garanzia di qualità che ai nostri prodotti certamente non manca». 

Silvia Allegrini ha precisato come il consumo oggi non è più stagionale: non è più vero che in estate non si bevono vini importanti; a cambiare è l’abbinamento gastronomico, che si adatta al periodo dell’anno. «Captare i trend è indubbiamente difficile. Allegrini cerca di seguirli, promuoverli, ma mantenendo salde le proprie radici e la propria territorialità. E questo senza però chiudersi dietro ad un progetto affermato: tutto è costantemente in divenire e bisogna riuscire a capire il passato per anticipare il futuro». 

L’enologo Barbara Tamburini ha introdotto il concetto di dealcolazione, spiegando come oggi in Italia sia ancora visto, e a torto, come un fantasma da cui tenersi lontano. «Io credo molto nell’equilibrio. bisogna saper mediare dove possibile, magari ricorrendo ancora al taglio – anche perché i macchinari che consentono la dealcolazione hanno dei prezzi decisamente proibitivi e la legge prevede che si possa scendere al massimo di due gradi con la gradazione – o cercando di produrre un grappolo in più per pianta».

Infine, la giornalista Maria Cristina Beretta, ha presentato i risultati dell’inchiesta Un vino per l’estate, che sarà pubblicata sul numero di luglio-agosto di Civiltà del bere. Protagoniste, 22 Cantine del bel Paese con i loro vini adatti alla stagione del solleone. Se il re dei vini dell’estate è ancora il bianco fermo, seguono a ruota gli spumanti, con la nuova tendenza dei rosé decisamente in crescita.

Tag: , , , ,

Leggi anche ...

Chi ci berrà nel 2022?
Dall'Italia
Chi ci berrà nel 2022?

Un’indagine Nomisma Wine Monitor fa il punto su Leggi tutto

La Cina è più vicina all’Hong Kong Wine & Spirits Fair 2018
Dal mondo
La Cina è più vicina all’Hong Kong Wine & Spirits Fair 2018

La manifestazione si conferma un appuntamento fondamentale per Leggi tutto

Le strategie di Wine Marketing di Nomisma in un libro
Dall'Italia
Le strategie di Wine Marketing di Nomisma in un libro

Che cosa può essere utile alle imprese per Leggi tutto