Dall'Italia Dall'Italia Roger Sesto

La seconda vita dell’uva Alionza

La seconda vita dell’uva Alionza

Quasi scomparso, oggi questo autoctono bolognese sta risorgendo. Le descrizioni ampelografiche della bianca Alionza sono remote: la prima è dell’agronomo medioevale Pietro de’ Crescenzi, (1303). Era diffusa in provincia di Modena e Bologna e l’ampelografo Domizio Cavazza, nel suo trattato Viticoltura (1914), la descrive come uno dei migliori vitigni a bacca bianca del Bolognese.

Poco prima, a fine Ottocento, la si definiva “uva antichissima, poco produttiva, ottima da consumarsi fresca e per il suo vino molto alcolico, squisito e profumato”. Giorgio Erioli, produttore emiliano di culto, è tra i protagonisti del rilancio di quest’uva. Dopo vari studi ampelografici «presi la decisione di recuperare due cultivar secondo me importanti per storia e diffusione: Alionza e Negretto. La prima era quasi scomparsa a causa della bassa produttività, per il fenomeno dell’acinellatura (cioè quando alcuni acini restano piccoli, ndr) e per via della sua buccia spessa, a discapito del mosto».

Giorgio Erioli, tra le sue amate vigne

Malvezza, versione ferma ed elegante di Erioli

Vitigno vigoroso, predilige impianti non troppo fitti a potatura lunga, suoli collinari, climi caldi, asciutti. «Nella nostra tenuta di 4 ha, a Valsamoggia (Bologna), produciamo un’Alionza ferma e un Metodo Classico». La ferma Malvezza, Emilia Igt frutto di basse rese (50 q/ha di uva), affina 30 mesi in acciaio sur lies; ha veste oro zecchino, sa di ginestra, mele al forno, tè. È morbida, elegante, fresca, equilibrata, con chiusura mandorlata e agrumata. Di buona longevità, raggiunge il suo apice dopo oltre un lustro.

Nella foto di apertura: grappoli di Alionza con la tipica acinellatura

Per conoscere gli altri vitigni autoctoni dell’Emilia Romagna clicca qui

L’articolo prosegue su Civiltà del bere 4/2018. Se sei un abbonato digitale, puoi leggere e scaricare la rivista effettuando il login. Altrimenti puoi abbonarti o acquistare la rivista su store.civiltadelbere.com (l’ultimo numero è anche in edicola). Per info: store@civiltadelbere.com

Tag: , ,

© Riproduzione riservata - 17/03/2019

Leggi anche ...

Il Prosecco Rosé Doc diventa realtà
Dall'Italia
Il Prosecco Rosé Doc diventa realtà

Nasce il Prosecco Rosé Doc. Sarà uno Spumant Leggi tutto

Hic et Nunc, stile puro del Basso Monferrato
Dall'Italia
Hic et Nunc, stile puro del Basso Monferrato

Il progetto vinicolo della famiglia Rosolen si trova Leggi tutto

Il coronavirus insegna a guardare il mondo con occhi diversi
Dall'Italia
Il coronavirus insegna a guardare il mondo con occhi diversi

Cosa resterà di queste giornate con la mascherina, Leggi tutto