Dall'Italia Dall'Italia Nereo Pederzolli

Il mondo dell’argilla è vitale (e Senza Filtro)

Il mondo dell’argilla è vitale (e Senza Filtro)

Quali sono le proprietà dell’argilla in agricoltura (biodinamica) e vinificazione (anfora)? Appunti e spunti dalla quarta edizione di Senza Filtro, con 40 produttori dall’Italia e dall’estero ospiti da Foradori.

Confronto, sinergie e spontaneità. Parte da questa constatazione il successo della quarta edizione di Senza Filtro, rassegna ospitata a fine maggio negli spazi della storica azienda Foradori, a Mezzolombardo, in Trentino, nel cuore del Campo Rotaliano. Preciso lo sprone: “Andiamo a fondo”. Che significa: approfondimenti sull’uso dell’argilla e sulla sua relazione con il vino. Erano presenti una quarantina di interpreti di questo modo d’intendere la vitienologia, vignaioli in grado di coniugare semplicità e autorevolezza, proponendo vini diversi dallo standard della consuetudine sensoriale che accomuna il modo di bere in base a parametri codificati.

Nel suolo e in cantina

«Non è una questione stilistica, piuttosto uno stimolo culturale, per capire l’importanza dei modi di produzione, a partire dalla coltivazione delle piante», ribadisce Elisabetta Foradori, la patronne della rassegna, tra le prime a curare la vigna rispettando concezioni biodinamiche, educando una piccola schiera di vignaioli a mirare «alla bellezza della semplicità». Con riscontri assolutamente tangibili. Bastava lasciarsi trasportare dell’entusiasmo, dalla vitalità enoica che si avvertiva sostando ai banchi d’assaggio di “Senza Filtro”. Con una ulteriore precisazione: lo slogan nulla c’entra con la filtrazione del vino. Anzi, è si riferisce allo stimolo al confronto, ad aprirsi senza pregiudizi, a capire e scoprire qualcosa di nuovo… senza filtro

Un momento del walk-around tasting

Il fascino ancestrale dell’argilla

Ecco perché le degustazioni sono state integrate con seminari di studio sull’elemento cardine legato a questa tipologia di vini, l’argilla. «Impronta d’umanità, oro vivente della terra», sostiene Paolo Pistis, esperto di agronomia biodinamica, spiegando come l’argilla riesca a conservare il fascino ancestrale del mondo vegetale, in sintonia «con la luce solare e il mondo cosmico». Adriano Zago, enologo e consulente in agricoltura biodinamica, ha approfondito l’uso dei recipienti in argilla nella vinificazione, mentre Wolfgang Scheibe, docente di biodinamica e cultura steineriana, ha parlato della metamorfosi dei terreni coltivabili con pratiche rispettose della biodinamica.

L’articolo prosegue su Civiltà del bere 4/2019 . Se sei un abbonato digitale, puoi leggere e scaricare la rivista effettuando il login. Altrimenti puoi abbonarti o acquistare la rivista su store.civiltadelbere.com (l’ultimo numero è anche in edicola). Per info: store@civiltadelbere.com

Tag: , , , , ,

© Riproduzione riservata - 30/09/2019

Leggi anche ...

Nasce Milano Wine Club, dedicato agli amanti del vino
Dall'Italia
Nasce Milano Wine Club, dedicato agli amanti del vino

Su modello londinese, nasce il Milano Wine Club. Leggi tutto

Bianco d’Alessano, tra i primi a essere innestato
Dall'Italia
Bianco d’Alessano, tra i primi a essere innestato

Il Bianco d’Alessano, oggi coltivato soprattutto a Martina Leggi tutto

Pinot nero Castelfeder: presentati tre nuovi cru
Dall'Italia
Pinot nero Castelfeder: presentati tre nuovi cru

La famiglia Giovanett, che nel 2019 festeggia 50 Leggi tutto