Dall'Italia Dall'Italia Elena Erlicher

I 90 anni del Corriere Vinicolo in un libro

I 90 anni del Corriere Vinicolo in un libro

Si pubblica il sabato è il volume che celebra i 90 anni del Corriere Vinicolo, settimanale d’informazione dell’Unione italiana vini, che racconta il vino italiano attraverso la storia del nostro Paese. La presentazione del progetto editoriale nato dalla collaborazione con il Corriere della Sera.

Il Corriere Vinicolo celebra un importante traguardo con la pubblicazione del libro Si pubblica il sabato. 90 anni di storia del Corriere Vinicolo, che è stato presentato il 27 giugno all’Auditorium del Corriere della Sera a Milano. Il volume illustrato, nato dalla collaborazione con il Corriere della Sera, è composto di 465 pagine e raccoglie innumerevoli articoli che sono stati pubblicati a partire dal 1° gennaio 1928, primo numero del settimanale.

Un racconto della storia italiana oltre che del vino italiano

3.600 numeri fino a oggi per 57.000 pagine a stampa. «Questo volume è come un grande vino», dice il direttore del Corriere Vinicolo Giulio Somma, «che si degusta piano piano. La nostra mission informativa è raccontare e dar voce al contesto vinicolo con percorsi e testimonianze che abbiamo voluto riunire in questo libro». «È un racconto che è un tuffo non solo nella storia vinicola, ma anche in quella italiana», aggiunge Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera.

Il Corriere Vinicolo lungo 9 decenni

Il titolo del libro, Si pubblica il sabato, riprende uno degli occhielli utilizzati nel primo decennio di pubblicazione, e continua così: 90 anni di storia del Corriere Vinicolo, con antologia ragionata degli articoli e un profilo storico dell’Italia dal 1928 ad oggi, ricostruito attraverso le pagine del Corriere della Sera. Edito da Unione italiana vini e in vendita a 50 euro, il volume è diviso in due parti.

La Uiv e il suo giornale, dalle origini a oggi

Nella prima sono raccontati, suddivisi per decenni, la storia di Uiv e del settimanale, a partire dalle fonti documentali presenti nell’Archivio storico di Uiv (a cura di Francesco Emanuele Benatti e Giulio Somma, che ha ricordato come il primo articolo uscito sul settimanale fosse su un argomento tutt’ora attuale come i dazi), un profilo della storia d’Italia (a cura di Michele Pellegrini) e un racconto del vino italiano sviluppato a partire dai contributi comparsi sul Corriere della Sera (a cura del caporedattore Luciano Ferraro, che ha citato il primo articolo sul vino apparso sul quotidiano sull’arte di far miscugli, cioè tagli casalinghi; era Natale del 1900). Il tutto illustrato con la riproduzione fotografica di oltre 190 fra i più significativi articoli apparsi sul Corriere Vinicolo.

La copertina del libro che celebra i 90 anni del Corriere Vinicolo

Il vino è “il sorriso d’Italia”

La seconda parte del volume è il racconto di 14 aziende del settore, associate a Unione italiana vini, che – si dice nel testo – hanno contribuito a fare del vino “il sorriso d’Italia” (a cura di Fabio Ciarla): Marchesi di Barolo, Frescobaldi, Dal Cin, Ruffino, Zonin1821, Melini, Nino Negri, Vinicola Decordi, Cavit, Mezzacorona, Schenk, Rivera, Botter e Banfi.

La presentazione all’Auditorium del Corriere della Sera

Alla presentazione hanno partecipato Ernesto Abbona, presidente di Uiv («dalla sua nascita la storia del giornale si interseca con quella della nostra associazione, che ha saputo sempre interpretare le istanze degli imprenditori del vino italiano e farsi carico di rappresentarle»); Paolo Castelletti, segretario generale di Uiv, che ha anticipato la conferma per un altro triennio del presidente Abbona alla guida dell’associazione; Fabio Rolfi, assessore all’Agricoltura della Regione Lombardia, che ha patrocinato il progetto editoriale; Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere, che ha spiegato come Vinitaly sia passata da fiera che raccoglie l’offerta dei produttori a fiera che costruisce invece la domanda; Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi, che ha ricordato il problema cardine del vino italiano di creare valore; Domenico Zonin, che ha parlato del fenomeno Prosecco; Sandro Sartor di Ruffino, che si è focalizzato sul tema della comunicazione del nostro vino ai Paesi che sanno ancora poco di noi; Lamberto Frescobaldi, che ha ribadito che bisogna concentrarsi sul produrre qualità, non quantità.

Le video-testimonianze delle grandi firme del Corriere della Sera

Tanti i contributi sul vino anche da parte delle grandi firme del Corriere della Sera, di cui sono state proiettate video-testimonianze: su “vino e identità” di Aldo Cazzullo, “la sfida del Tocai” di Gian Antonio Stella, “vino e televisione” di Aldo Grasso, “Vinitaly e politica” di Isabella Bossi Fedrigotti.

Come acquistare il libro

Si può acquistare il libro effettuando il pagamento di 55 euro (50 libro + 5 spese di spedizione) con bonifico bancario a Unione italiana vini Soc.coop – causale Libro 90° – su Intesa SanPaolo SpA – Ag. 00350 Milano – IBAN IT03P0306901626100000068336. Inviare la ricevuta di pagamento e i dati di fatturazione e spedizione ad abbonamenti@corrierevinicolo.com

Nella foto: la redazione del Corriere Vinicolo

Tag: , , , ,

© Riproduzione riservata - 12/07/2019

Leggi anche ...

Dove cenare a Firenze (e a Prato). Le nuove mete gastronomiche
Dall'Italia
Dove cenare a Firenze (e a Prato). Le nuove mete gastronomiche

Quali sono le ultime novità della ristorazione (aperture, Leggi tutto

La Valpolicella blocca gli impianti per arginare il fenomeno Amarone
Dall'Italia
La Valpolicella blocca gli impianti per arginare il fenomeno Amarone

Blocco totale degli impianti in Valpolicella per tr Leggi tutto

L’Abbuoto è felice solo nel suo terroir d’origine
Dall'Italia
L’Abbuoto è felice solo nel suo terroir d’origine

L’Abbuoto è un’uva a bacca rossa originaria d Leggi tutto