Dall'Italia Dall'Italia Elena Erlicher

Georg Meißner enologo di Alois Lageder

Georg Meißner enologo di Alois Lageder

Georg Meißner è il nuovo enologo della Cantina di Magrè (Bolzano) di Alois Lageder. Trentasei anni, diplomato Enologo alla facoltà di Farmacia dell’Università di Montpellier, Meißner subentra a Luis von Dellemann, cognato del viticoltore altoatesino e maestro cantiniere per 45 vendemmie nella tenuta di famiglia. Il nuovo enologo è ricercatore e docente alla Hochschule Geisenheim nella regione di Rheingau, ed è uno specialista nel settore della coltivazione biologico-dinamica, che ha approfondito con varie esperienze all’estero, in particolare in Sudafrica e negli Stati Uniti.

IL METODO BIOLOGICO-DINAMICO – Nella Cantina di Magrè, Meißner si occuperà dei settori dell’agricoltura, dell’enologia, della ricerca e della didattica, dando un forte impulso alla conversione al metodo biologico-dinamico. Egli continuerà la sua attività didattica a Geisenheim, ampliando la collaborazione con il Goetheanum di Dornach e altre fondazioni, che assumeranno così un ruolo importante nell’elaborazione delle strategie aziendali.

L’INCONTRO – «Una prospettiva di stretta collaborazione tra Georg e me», ha detto Alois Lageder, «si era già delineata più di un anno fa durante il nostro primo incontro. In quell’occasione, egli si distinse di fronte ad alcuni conferitori e collaboratori qui in Tenuta, unitosi in un gruppo di lavoro biologico-dinamico, per la sua grande competenza nel settore. Il forte consenso tra il giovane ricercatore e me, in merito al tema della conversione al metodo biologico-dinamico e allo sviluppo di questa coltivazione fu presto evidente e portò a una nuova comune visione».

L’APPROCCIO STEINERIANO – Da anni la Cantina abbraccia la filosofia di un approccio interdisciplinare olistico che si ispira all’antroposofismo di Rudolf Steiner. «Grazie all’interazione tra agricoltura, pedagogia, musica, arte e medicina e, non di meno, al ruolo centrale dello spazio culturale e a una forte economia regionale», ha continuato Lageder, «siamo certi di poter rafforzare e migliorare la qualità del lavoro, così come l’individualità e l’autenticità dei nostri prodotti».

Tag: ,

© Riproduzione riservata - 26/03/2013

Leggi anche ...

L’ambigua piramide della qualità del vino italiano
Dall'Italia
L’ambigua piramide della qualità del vino italiano

Per l’Italia, che produce più vino di quanto Leggi tutto

Dove cenare a Messina. Le nuove mete gastronomiche.
Dall'Italia
Dove cenare a Messina. Le nuove mete gastronomiche.

Quali sono le ultime novità della ristorazione (aperture, Leggi tutto

Torre Rosazza ritrova la sua casa
Dall'Italia
Torre Rosazza ritrova la sua casa

Torre Rosazza interpreta l’unicità del territorio friulano in Leggi tutto