Wine business Wine business Andrea Gabbrielli

Fotografia della Puglia viticola: il 91% dell’export è in Europa e il valore economico cresce del +8,6%

Fotografia della Puglia viticola: il 91% dell’export è in Europa e il valore economico cresce del +8,6%

Anche nel 2011, nonostante un calo del -6% (ovvero 6,8 milioni di ettolitri), la Puglia mantiene il secondo posto come regione italiana più produttiva, seguita da Emilia Romagna e Sicilia. Infatti, da sole, Veneto, Puglia, Emilia Romagna e Sicilia rappresentano il 60% della produzione italiana. Si intensifica anche l’export, tanto che la regione ha avuto il maggiore incremento percentuale del valore registrando una crescita superiore al +20%.

Circa il 91% dell’export del vino pugliese è stato realizzato in Europa (UE, Svizzera, Nord Europa e Paesi dell’Est). Il 6% nelle Americhe e il 3% nel continente asiatico. Il valore economico dell’export del vino pugliese nel 2010 è aumentato del +8,6% rispetto al 2009. Il trend positivo si estende anche nel 2011. Dai primi dati, riferiti ai primi sei mesi dell’anno, si registra infatti un aumento di circa il +7% rispetto allo stesso periodo di riferimento nel 2010. I dati sono stati comunicati in occasione di Apulia Wine Identity, la manifestazione organizzata dal Consorzio Puglia Best Wines che raccoglie 21 aziende del mondo vinicolo regionale – complessivamente 6 mila ettari di vigneto di proprietà, 23 milioni di bottiglie prodotte ed esportate in 27 Paesi – dislocate nelle tre aree di Castel Monte, Murge e Grande Salento.

Attualmente la superficie vitata regionale tocca i 100 mila ettari con una produzione di vini rossi e rosati pari al 60% e con la restante parte di vini bianchi. L’incremento della produzione di vini a Denominazione nel 2009, rispetto al 2008, è stato del +31%, mentre nel 2010 rispetto al 2009 è stato di oltre il +40%. Nel 2010 su una produzione di quasi 7 milioni di ettolitri, la quota di vini a Denominazione era di circa 3 milioni di ettolitri, per cui in due anni la produzione di vini di qualità in Puglia è aumentata di un milione di ettolitri.

In occasione della manifestazione Apulia Wine Identity, una giuria internazionale composta da giornalisti di oltre 20 diverse nazionalità riuniti a Trani ha giudicato l’annata 2010 dei tre vitigni più rappresentativi della Puglia, cioè Negroamaro, Primitivo e Nero di Troia, meritevole di 4 stelle su 5.

Tag: , , , , ,

© Riproduzione riservata - 29/11/2011

Leggi anche ...

Masi e Santa Margherita Usa insieme sul mercato americano
Dall'Italia
Masi e Santa Margherita Usa insieme sul mercato americano

Siglato un importante accordo fra Masi Agricola Leggi tutto

Nel 2020 guardiamo oltre le guerre commerciali
Wine business
Nel 2020 guardiamo oltre le guerre commerciali

Nonostante i problemi a livello internazionale, l’anno appena Leggi tutto

Pinot grigio delle Venezie, un 2019 da ricordare
Wine business
Pinot grigio delle Venezie, un 2019 da ricordare

Nonostante il momento difficile, nel 2019 il Pinot Leggi tutto