Ezio Rivella lascia la presidenza del Consorzio del Brunello

Ezio Rivella lascia la presidenza del Consorzio del Brunello

Giorni di fermento tra le colline vitate di Montalcino. Il Consorzio del Brunello perde il suo presidente Ezio Rivella, che con una lettera indirizzata ai vertici del Consiglio di amministrazione comunica la scelta di dimettersi dall’incarico (ma non dal Cda) per “motivi strettamente personali”.

DIFFICOLTÀ DI GESTIONE DELL’INCARICO – Raggiunto telefonicamente, il cavaliere del lavoro Rivella – da due anni a capo dell’ente di tutela montalcinese e con oltre mezzo secolo di impegno per la valorizzazione del grande rosso toscano sulle spalle – spiega a Civiltà del bere le difficoltà organizzative che lo hanno condotto alla difficile decisione: «Gestire gli impegni tra Roma, dove vivo, e Montalcino, cuore della produzione, è molto complicato. Ritengo che per il Consorzio sia più utile nominare qualcuno del territorio, anche se trovare la persona giusta non sarà facile».

L’ANNUNCIO DEL CDA CONSORTILE – La risposta del Consorzio si legge in un comunicato on-line: “Il Consiglio di amministrazione è stato portato a conoscenza della volontà del presidente Ezio Rivella di rassegnare le proprie dimissioni dall’incarico. Tale decisione è stata messa all’ordine del giorno della prossima riunione, prevista il 14 giugno 2012, che sarà l’occasione per ascoltare e valutare le motivazioni di questa scelta per poi decidere in merito e definire i passi conseguenti. In tal senso il Consorzio ha deciso di non rilasciare alcuna dichiarazione ufficiale prima dello svolgimento del prossimo Cda”.

I NOMI DI DONATELLA CINELLI COLOMBINI E FABRIZIO BINDOCCI – Massimo riserbo fino alla riunione di oggi dunque, ma già circolano in rete voci di candidature e successioni. Due, in particolare, i nomi che si rincorrono. Il più accreditato è quello della la patronne di Casato Prime Donne Donatella Cinelli Colombini, attuale vicepresidente del Consorzio e imprenditrice di spicco che ha ricoperto numerosi incarichi istituzionali, sia nel mondo del vino (è stata ad esempio presidente e praticamente fondatrice del Mtv in Italia) sia nel governo della provincia di Siena (come assessore al Turismo).

 

Il secondo nome è quello di Fabrizio Bindocci, 57 anni, enologo di lunga carriera della Tenuta Il Poggione nonché diretto avversario di Rivella nelle elezioni 2010. Al Cda, nei giorni a venire, l’ardua sentenza.

Tag: , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 14/06/2012

Leggi anche ...

Masi e Santa Margherita Usa insieme sul mercato americano
Dall'Italia
Masi e Santa Margherita Usa insieme sul mercato americano

Siglato un importante accordo fra Masi Agricola Leggi tutto

Nel 2020 guardiamo oltre le guerre commerciali
Wine business
Nel 2020 guardiamo oltre le guerre commerciali

Nonostante i problemi a livello internazionale, l’anno appena Leggi tutto

Pinot grigio delle Venezie, un 2019 da ricordare
Wine business
Pinot grigio delle Venezie, un 2019 da ricordare

Nonostante il momento difficile, nel 2019 il Pinot Leggi tutto