Dal mondo Dal mondo Civiltà del bere

In Canada e Usa la cultura (del vino) paga

In Canada e Usa la cultura (del vino) paga

Anche in mercati storici e consolidati come il Nord America non mancano opportunità di espansione per il vino italiano. In particolare, si prospettano buoni margini di crescita nel settore dei fine wines, a cui l’Italia deve puntare con più decisione. «Diverse Cantine scelgono di investire in comunicazione, considerando l’elevata capacità di spesa pro capite e il numero ancora altissimo di potenziali consumatori oltreoceano», spiega Marina Nedic, managing director di I.E.M – International Exhibition Management, che da 7 anni organizza in Canada e Usa una importante tappa del Simply Italian Great Wines Tour.

Conquistare i millennial

In America la cultura del vino è un campo di grande interesse tra le nuove generazioni. E i millennial pesano il 42% dei consumi degli States (in volume). Precisa Marina Nedic: «Fra i temi chiave da valorizzare spiccano il legame con il territorio e le relative denominazioni, caratteristiche peculiari del vino italiano, che rappresentano un elemento di grande interesse anche per i consumatori canadesi».

La leadership italiana in Usa

Gli Stati Uniti sono il principale mercato vinicolo al mondo per consumo e importazioni: il comparto vale 5 miliardi di euro complessivi nel 2016. E l’Italia si conferma leader tra i partner commerciali: il 32,4% del vino importato è made in Italy. È un mercato storico e consolidato, ma la sua crescita è inarrestabile (+3,3% in valore e +1,1% in quantità anche nel 2016). In particolare, la Florida è il punto nevralgico per l’import/export nel sudest degli Stati Uniti e Miami ne è la colonna portante, grazie alla straordinaria concentrazione di imprese internazionali. La sua posizione geografica, inoltre, offre una porta d’accesso diretta verso il Sudamerica e i Caraibi.

Il Canada chiede più vino

Per quanto riguarda il Canada, il consumo annuo di vino ammonta a oltre 5,3 milioni di ettolitri (nel 2015), pari al 26,4% delle bevande alcoliche, ma sta crescendo sensibilmente, in particolare tra gli over 65 e i millennial. L’Italia è terzo Paese esportatore, con un giro d’affari di 329,9 milioni di euro (+1,5% nel 2016) per 734,4 mila ettolitri (+3,3%). Raggiungere i potenziali winelover è l’obiettivo del futuro prossimo, considerando il vasto bacino d’utenza potenziale.

Trend bollicine: l’Italia cavalca l’onda

Il comparto spumanti oggi traina l’intero settore delle esportazioni vinicole italiane negli Usa, capitanato dal Prosecco. «Le nostre bollicine valgono quasi 210 milioni di euro nel 2016 (+40,7% rispetto al 2015)», precisa Marina Nedic. «Anche in Canada lo Stivale vede un incremento delle vendite degli spumanti Dop del +25% (20,7 milioni di euro per quasi 40 mila ettolitri, anche grazie al fenomeno Prosecco), a fronte di una sostanziale stagnazione dei consumi di Champagne». L’impatto degli spumanti sull’import vinicolo complessivo è ancora ridotto (valgono 125 milioni di euro su 1,6 miliardi, dati gen-dic 2016), ma la tipologia cresce del +9,7% in valore e +9,2% in quantità (151 mila ettolitri su 4,15 milioni importati). E il Bel Paese è pronto a cavalcare l’onda del trend bollicine.

Simply Italian Great Wines Americas Tour 2018

Per questo i Simply Italian Great Wines tornano oltreoceano, inaugurando il tour 2018 con due tappe in Canada e Stati Uniti: il 5 febbraio a Toronto e il 7 febbraio a Miami. Il format multiplo degli eventi targati I.E.M. – seminari, educational, walk-around tasting e incontri b2b – è il vero punto di forza del tour, nato per promuovere la nostra eccellenza enologica nel mondo e favorire l’incontro diretto con il trade. Il successo in Nord America è consolidato dall’esistenza della sede locale I.E.E.M., a Miami dal 2007, che garantisce una presenza continuativa sul territorio americano e cura direttamente tutte le attività nei mercati strategici tra Stati Uniti, Canada e Sud America. Si prevede la presenza di oltre 400 professionisti di rilievo, importatori, operatori, giornalisti e opinion maker.

Due tappe a febbraio: Toronto e Miami

Lunedì 5 febbraio i Simply Italian Great Wines incontrano il trade canadese nei luminosi spazi del St. James Cathedral Centre di Toronto (ON M5C 2E9), con un convegno di Federdoc dedicato al Franciacorta e un programma di incontri B2B. Mercoledì 7 febbraio il tour prosegue a Miami. L’Adrienne Arsht Center Ziff Opera House (1300 Biscayne Blvd) ospita tre masterclass dedicate agli spumanti made in Italy (Asti Docg, bollicine Friuli Grave Doc e Franciacorta). Gran finale con il walk-around tasting riservato a professionisti e stampa selezionata.

Tag: , , , ,

© Riproduzione riservata - 25/01/2018

Leggi anche ...

Italia in testa al mondiale degli spumanti
Dal mondo
Italia in testa al mondiale degli spumanti

Con 15 medaglie d’oro, Ferrari merita il titolo Leggi tutto

La partita dell’Italia in Cina è ancora tutta da giocare
Dal mondo
La partita dell’Italia in Cina è ancora tutta da giocare

Che cosa sta succedendo alla Cina, che quest’anno Leggi tutto

André Tchelistcheff: un enologo diventato leggenda
Dal mondo
André Tchelistcheff: un enologo diventato leggenda

Nato in Russia, vissuto a lungo negli Usa, Leggi tutto