Campo San Giorgio 2015: il volto del Conero

Campo San Giorgio 2015: il volto del Conero

Umani Ronchi è fra i produttori che negli ultimi tre anni hanno ricevuto il massimo punteggio per i loro vini da almeno tre Guide enologiche nazionali. Li abbiamo chiamati Maestri dell’eccellenza, premiando la loro costanza qualitativa. L’elenco completo è sul Top delle guide vini 2020.

Tra le Cantine che nel corso degli ultimi cinquant’anni hanno contribuito in maniera determinante alla valorizzazione della vitivinicoltura marchigiana c’è Umani Ronchi. Con i suoi 210 ettari di vigneti distribuiti da Serra dei Conti, nelle Marche, a Roseto degli Abruzzi, tutti coltivati in regime biologico, la famiglia Bianchi-Bernetti ha saputo ritagliarsi un ruolo importante nella produzione di vini di alta qualità. L’azienda, che ha sempre mantenuto una dimensione famigliare, è oggi guidata da Michele Bernetti e da suo padre Massimo ed esporta i suoi vini in oltre 60 Paesi.

Umani Ronchi Michele Bernetti
Michele Bernetti di Umani Ronchi

Il miglior vino Umani Ronchi nel 2020: Campo San Giorgio 2015

Tra le etichette prestigiose che escono dalla Cantina di Osimo, il Campo San Giorgio, Conero Riserva Docg, ottenuto da monovitigno (Montepulciano 100%), occupa un posto di rilievo. «Da alcuni anni volevamo valorizzare il territorio del Conero», spiega Michele Bernetti, «convinti che il Montepulciano qui coltivato non avesse ancora dimostrato tutte le sue potenzialità». Ed ecco la prima annata (2009) uscire sul mercato nel 2013. Poche bottiglie ma di grande qualità. La conferma arriva anche per la Riserva 2015, pluripremiata dalle Guide. Un vino elegante, espressione del territorio, che, fin dall’etichetta che riveste la bottiglia, rappresenta il risultato di un’esperienza lunga, fatta di ricerca e sperimentazioni sul vitigno Montepulciano.

Campo San Giorgio, Conero Riserva Docg 2015

Vigna di 15 anni di età media con esposizione est‐ovest a 150 metri con densità di 8.000 piante/ha. Fermentazione in acciaio per 14-16 giorni. Affina in legno piccolo per 12 mesi e in botte grande per altri 12.

Altre etichette premiate

Plenio, Castelli Di Jesi Verdicchio Riserva Classico Docg 2016
Casal Di Serra Vecchie Vigne, Verdicchio Dei Castelli Di Jesi Classico Superiore Doc 2017
Cùmaro, Conero Riserva Docg 2015

Questo articolo è tratto da Civiltà del bere 1/2020. Se sei un abbonato digitale, puoi leggere e scaricare la rivista effettuando il login. Altrimenti puoi abbonarti o acquistare la rivista su store.civiltadelbere.com (l’ultimo numero è anche in edicola). Per info: store@civiltadelbere.com

Tag: , , , ,

© Riproduzione riservata - 18/03/2020

Leggi anche ...

Con l’Es di Fino nel calice, è sempre un piacere
Dall'Italia
Con l’Es di Fino nel calice, è sempre un piacere

Gianfranco Fino è fra i produttori che neg Leggi tutto

Assaggi | Dianella, la ricerca sul Sangiovese e la riscoperta dell’Orpicchio
Dall'Italia
Assaggi | Dianella, la ricerca sul Sangiovese e la riscoperta dell’Orpicchio

Dianella ha sede a Vinci, terra natia d Leggi tutto

New Deal o grande sbornia d’autunno?
Dall'Italia
New Deal o grande sbornia d’autunno?

“Quando torneremo alla normalità?”, ci chiediamo. Ma potremmo Leggi tutto