Dall'Italia Dall'Italia Aldo Fiordelli

Best Italian Wine Awards 2015. La top 50

Best Italian Wine Awards 2015. La top 50

È stato ribattezzato drinking ovation il lunghissimo e sentito applauso a Mauro Mascarello, vincitore dei Best Italian Wine Awards 2015. Ieri in via Romagnosi a Milano, tra il nuovo Mandarin Oriental e il cuore dell’economia italiana, la quarta edizione del Biwa ha visto sfilare i 50 migliori produttori dell’anno. La classifica promossa da Luca Gardini (in foto), già campione del mondo dei sommelier e inarrivabile palato, con Andrea Grignaffini, stimato critico enogastronomico e firma della Guida de L’Espresso, è il risultato del lavoro di una commissione internazionale di indiscutibile livello. Antonio Paolini, altra firma de L’Espresso, Daniele Cernilli oggi noto come Doctorwine, Pier Bergonzi, giornalista della Gazzetta dello Sport (e responsabile delle pagine della GazzaGolosa), Raoul Salama della Revue du Vin de France e due Master of Wine: Christy Canterbury da New York e Tim Atkin dall’Inghilterra. Insieme hanno degustato centinaia di campioni di vino italiano alla cieca, ricavandone i migliori 50 (la classifica completa dei Best Italian Wine Awards 2015 è in coda all’articolo).

best-italian-wine-awards-2015-biwa-premiazione

La platea alla premiazione Biwa 2015

Sul podio Piemonte batte Toscana 2 a 1

Ai primi tre posti il Duemani 2012 di Luca d’Attoma ed Elena Celli, un Cabernet Franc in purezza dalle colline di Riparbella in Toscana, secondo il Barolo Brunate 2011 di Giuseppe Rinaldi e primo il Barolo Monprivato 2010 di Mascarello Giuseppe e figlio. A Mauro Mascarello che, come gli altri produttori ha ritirato personalmente la targa del Biwa 2015, il pubblico ha tributato un lungo e sentito applauso.

Best Italian Wine Awards 2015, sale il prestigio

Questo riconoscimento che Paolini ha definito una “drinking ovation” dimostra due cose. Da un lato la stima per questo grande vignaiolo piemontese. Le Langhe di Barolo e Barbaresco, insieme a Montalcino, hanno rappresentato il 45% dei vini premiati, ha sottolineato Tim Atkin, uno dei master of wine tra i giurati. Dall’altro dimostra l’affermazione del premio e la sua raggiunta autorevolezza. Il 90% dei produttori ha ritirato personalmente la targa del Biwa. Camilla Lunelli, Allegra Antinori, Maurizio Zanolla, Argiolas, Zonin…

Novità Biwa 2015: i premi speciali

Novità di questa edizione i premi speciali Best Italian Wine Awards 2015 selezionati da Marco Tonelli, Davide Oltolini, Alessandro Bocchetti, Giorgio Melandri e lo scrivente. Da segnalare tra questi il riconoscimento ritirato dall’umbro Niccolò Barberani per la miglior “Azienda e territorio”, miglior sommelier a Sokol Ndreko del Lux Lucis di Forte dei Marmi, “Alfiere del territorio” al Castello del Terriccio, con il premio anche in questo caso ritirato di persona dal conte Annibale Rossi di Medelana.

La classifica dei 50 Best Italian Wines 2015

1 Giuseppe Mascarello e figlio – Monprivato, Barolo Docg 2010 (Piemonte)
2 Giuseppe Rinaldi – Brunate, Barolo Docg 2011 (Piemonte)
3 Duemani – Duemani, Cabernet Franc Costa Toscana Igt 2012 (Toscana)
4 Palladino – Parafada Barolo Docg 2011 (Piemonte)
5 Marco De Bartoli – Vecchio Samperi Ventennale s.a. (Sicilia)
6 Tenuta Le Potazzine – Brunello di Montalcino Docg 2011 (Toscana)
7 Tenuta San Guido – Sassicaia, Bolgheri Sassicaia Doc 2012 (Toscana)
8 Parusso Armando – Bussia Riserva Oro, Barolo Docg 2006 (Piemonte)
9 Marisa Cuomo – Furore Bianco Fiorduva, Costa d’Amalfi Doc 2013 (Campania
)
10 Valentini – Trebbiano d’Abruzzo Doc 2012 (Abruzzo)
11 Ferrari – Giulio Ferrari Riserva del Fondatore, Trentodoc 2004 (Trentino
)
12 Biondi Santi – Brunello di Montalcino Docg 2010 (Toscana)
13 Podere Le Ripi – Lupi e Sirene, Brunello di Montalcino Docg 2010 (Toscana)
14 Poggio di Sotto – Brunello di Montalcino Docg 2010 (Toscana)
15 Roagna – Asili Vecchie Viti, Barbaresco Docg 2009 (Piemonte)
16 Diego Conterno – Ginestra, Barolo Docg 2011 (Piemonte)
17 Giacomo Borgogno e figli – Liste, Barolo Docg 2010 (Piemonte)
18 Tenuta Di Petrolo – Galatrona Toscana Igt 2012 (Toscana)
19 Casanova Di Neri – Tenuta Nuova, Brunello di Montalcino Docg 2011 (Toscana)
20 Santa Barbara – Mossone Marche Rosso Igt 2012 (Marche)
21 Argiolas – Turriga Isola dei Nuraghi Igt 2011 (Sardegna)
22 Romano Dal Forno – Vigneto di Monte Lodoletta, Amarone della Valpolicella Doc 2010 (Veneto)
23 Il Marroneto – Selezione Madonna delle Grazie, Brunello di Montalcino Docg 2010 (Toscana)
24 Sottimano – Currà Barbaresco Docg 2011 (Piemonte)
25 Jermann – Vintage Tunina, Bianco Venezia Giulia Igt 2013 (Friuli Venezia Giulia)
26 Azelia – Bricco Fiasco, Barolo Docg 2011 (Piemonte)
27 Brovia – Brea Vigna Ca’ Mia, Barolo Docg 2011 (Piemonte)
28 Ca’ La Bionda – Vigneti Di Ravazzol, Amarone della Valpolicella Doc Classico 2010 (Veneto)
29 Torre dei Beati – Bianchi Grilli (per la testa), Pecorino Abruzzo Doc 2013 (Abruzzo
)
30 Monte Rossa – Cabochon Stellato, Franciacorta Docg 2005 (Lombardia)
31 Castello D’Albola – Il Solatio, Chianti Classico Gran Selezione Docg 2010 (Toscana)
32 Lusignani – Vin Santo di Vigoleno Doc 2004 (Emilia Romagna
)
33 Tua Rita – Redigaffi, Toscana Rosso Igt 2012 (Toscana)
34 Poderi Boscarelli – Il Nocio, Vino Nobile di Montepulciano Docg 2011 (Toscana)
35 Ca’ Del Bosco – Cuvée Annamaria Clementi, Rosé Franciacorta Docg 2006 (Lombardia)
36 Zidarich – Vitovska Venezia Giulia Igt 2012 (Friuli Venezia Giulia
)
37 Fattoria Zerbina – Arrocco, Albana di Romagna Passito Docg 2012 (Emilia Romagna
)
38 Ferghettina – Riserva 33, Franciacorta Pas Dosè Docg 2007 (Lombardia)
39 Massolino – Vigna Rionda, Riserva Barolo Docg 2009 (Piemonte)
40 Tenute Cisa Asinari dei Marchesi di Gresy – Camp Gros Martinenga, Barbaresco Docg 2010 (Piemonte)
41 Castello di Monsanto – Il Poggio, Chianti Classico Riserva Docg 2010 (Toscana)
42 Gianfranco Fino – Es, Primitivo di Manduria Doc 2013 (Puglia)
43 Michele Chiarlo – Cerequio, Barolo Docg 2011 (Piemonte)
44 Burlotto Comm. G.B. – Monvigliero, Barolo Docg 2011 (Piemonte)
45 Bussia Soprana – Mosconi, Barolo Docg 2010 (Piemonte)
46 Florio – Donna Franca, Marsala Superiore Riserva Doc s.a. (Sicilia)
47 Polvanera – Polvanera 17, Primitivo Doc Gioia del Colle 2012 (Puglia)
48 Zýme’ – Riserva La Mattonara, Amarone Classico della Valpolicella Dop 2004 (Veneto)
49 Fattoria di Fiorano – Fiorano Rosso 2010 (Lazio
)
50 Ettore Germano – Hérzu, Riesling Langhe Doc 2013 (Piemonte)

Tag: , , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 22/09/2015

Leggi anche ...

Il Verdello ha il “suo” sperimentatore
Dall'Italia
Il Verdello ha il “suo” sperimentatore

Così chiamato per il colore verdastro dell’acino anc Leggi tutto

Da Soldati e Veronelli  all’alba dell’era post-Parker
Dall'Italia
Da Soldati e Veronelli all’alba dell’era post-Parker

L’addio lavorativo di Parker segna l’inizio di una Leggi tutto

Dove cenare a Palermo. Le nuove mete gastronomiche
Dall'Italia
Dove cenare a Palermo. Le nuove mete gastronomiche

Quali sono le ultime novità della ristorazione (aperture, Leggi tutto