Wine business Wine business Anna Rainoldi

Beniamino Garofalo direttore generale di Cantine Ferrari

Beniamino Garofalo direttore generale di Cantine Ferrari

Il Gruppo Lunelli cambia passo: la nomina di Beniamino Garofalo direttore generale di Cantine Ferrari conferma la nuova strategia di sviluppo del gruppo, orientata verso un’organizzazione più strutturata e manageriale. L’obiettivo della famiglia Lunelli – sulla scorta dei valori e della cultura d’impresa che li distingue – è costruire un solido trampolino di lancio per nuovi, ambiziosi progetti internazionali: Ferrari si prepara a diventare la bollicina italiana d’eccellenza nel mondo?

Logica manageriale per valorizzare l’eccellenza

Ce l’hanno confermato ieri le parole di Beniamino Garofalo: «Il desiderio di Matteo Lunelli (presidente e ad del Gruppo, ndr) e della famiglia è portare più managerialità nell’organizzazione del Gruppo Lunelli, strutturandolo in modo più efficiente con la collaborazione di professionalità diversificate». Desiderio che incontra quello di Garofalo: «Voglio dare il mio contributo alla crescita di marchi italiani d’alto livello nel settore beverage, avendo lavorato finora con realtà multinazionali prestigiose, ma non italiane. Il mio sogno? Poter avere una parte attiva nello sviluppo globale di una nostra eccellenza». E specifica: «Credo che la famiglia Lunelli stia già compiendo le scelte giuste nel potenziare l’attività internazionale del Gruppo».

Beverage, lusso e retail. Chi è Beniamino Garofalo

Il neo eletto direttore generale ha maturato esperienze di primo piano nei canali horeca e Gdo in multinazionali food&beverage come Danone, Heinz e Pepsico; nel mercato del lusso come general manager del settore beauty nel gruppo LVMH, e nel retail come VP sales and network development di Sephora. Competenze professionali fondamentali per gli obiettivi strategici del Gruppo Lunelli. Beniamino Garofalo dovrà seguire la crescita nei vari canali su territorio nazionale, «ma soprattutto lavorare allo sviluppo dei brand del Gruppo oltreconfine, a partire da Ferrari. L’obiettivo è portare l’azienda a recitare una parte importante nella compagine internazionale, fra i prodotti d’alta gamma». Si lavorerà su più fronti: sviluppo e innovazione di prodotti, conquista di nuovi territori e presenza retail. Quest’ultimo aspetto, dopo l’esperienza positiva dello spazio Ferrari ad Expo 2015 e il progetto Ferrari Spazio Bollicine negli aeroporti, gioca un ruolo chiave: «Il contatto diretto con il consumatore funziona, in termini di vendite ma sopratutto di contatti», ci conferma Garofalo.

Il nuovo assetto del Gruppo Lunelli

Il nuovo direttore generale – in azienda da fine 2015 – coordinerà tutto il team Ferrari, con competenze anche su altre aziende del Gruppo Lunelli, come le Tenute Lunelli – Margon in Trentino, Podernovo in Toscana e Castelnuovo in Umbria – l’acqua Surgiva e la Distilleria Segnana. Insieme a Beniamino Garofalo, altre modifiche dell’assetto strutturale del Gruppo riguardano Massimiliano Capogrosso, nuovo direttore commerciale Italia, sostituito nel ruolo di direttore vendite da Marcello Ancarani, fino ad oggi area manager nord ovest; infine Alessandro Della Penna, che dopo l’esperienza di Expo 2015 diventa responsabile dello sviluppo del progetto retail Ferrari Spazio Bollicine.

Tag: , , , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 14/01/2016

Leggi anche ...

Sette libri (più uno) per l’estate
Dall'Italia
Sette libri (più uno) per l’estate

L’ultimo numero di Civiltà del bere (disponibile qu Leggi tutto

Cina primo produttore mondiale di uva (da tavola)
Wine business
Cina primo produttore mondiale di uva (da tavola)

Da diversi anni la Cina è un player Leggi tutto

Intervista a Simone Masé, nuovo direttore generale del Gruppo Lunelli
Wine business
Intervista a Simone Masé, nuovo direttore generale del Gruppo Lunelli

Dal 15 luglio Simone Masè è direttore genera Leggi tutto