Dal mondo Dal mondo Emanuele Pellucci

Gli americani e i cinesi preferiscono il tappo in sughero

Gli americani e i cinesi preferiscono il tappo in sughero

Cresce l’apprezzamento per le chiusure alternative, ma il tappo di sughero resta il più amato dai winelover. O perlomeno il più adatto e distintivo per i vini di qualità, specie se destinati all’invecchiamento. Questa idea è ancora universale e tocca anche Paesi non sospetti, dove da tempo sono ben accette le chiusure alternative. In particolare, colpisce l’altissima percentuale registrata tra i consumatori americani e cinesi: il 97% ritiene che la scelta del tappo in sughero sia sinonimo di qualità del vino.

I consumatori americani sotto la lente

A sostenerlo è un recente studio comparato di Rebecca Bleibaum, esperta di ricerca sensoriale, presentato a Madrid in occasione della prima edizione di Wine Export Workshop: “Sfide e opportunità per l’esportazione di vino: i dettagli sono la chiave del successo”. Anche se la scelta della chiusura per le bottiglie di vino, come ben sappiamo, è tutto fuorché un dettaglio. L’intervento di Rebecca Bleibaum (“Sensory Consumer Intelligence”), nello specifico, ci fornisce una sorta di radiografia dei diversi profili dei consumatori americani.

Quali fattori influenzano la scelta del vino?

Rebecca Bleibaum ha comparato i principali risultati di un ampio studio effettuato in cinque diversi frangenti temporali: 2004, 2007, 2011, 2013 e 2017. Ebbene, se il prezzo è sempre il primo (38%) dei fattori determinanti nella scelta di una bottiglia di vino, al secondo posto troviamo proprio il tappo. «I risultati», ha spiegato la ricercatrice californiana, «mostrano chiaramente come la chiusura del vino influenzi i consumatori americani. E indicano chiaramente come il tappo di sughero naturale sia il preferito, in tutte le diverse fasce di prezzo».

Quando il tappo è sinonimo di alta qualità

Nello specifico, la quasi totalità dei consumatori americani ritiene che i vini con tappo in sughero siano più adatti a occasioni speciali, come cene, feste e regali. Per il 97% di loro «il tappo di sughero è sinonimo di alta qualità. Viene associato a vini di livello di gran lunga superiore a quelli chiusi con tappi artificiali, considerati di fascia medio-bassa», precisa Bleibaum.

Anche in Cina spopola il sughero

Sempre nell’ambito dello stesso workshop madrileno è stato affrontato anche l’importante aspetto dell’export spagnolo verso la Cina, mercato che per i vini iberici rappresenta il 13,7%. E anche qui, tra i vari argomenti trattati da Dorian Tang, direttore didattico di ASC Fine Wines (il principale importatore di vino in Cina) non è mancato un deciso accenno al ruolo del sughero naturale nella scelta delle chiusure. Anche in questo caso, curiosamente, il tappo di sughero è associato alla qualità del vino per il 97% dei consumatori cinesi. Un dato significativo su tutti: 95 dei 100 vini più venduti in Cina nel 2016 erano chiusi con tappi di sughero naturale.

Tag: , , , , ,

Leggi anche ...

Il Dosaggio Zero di Paillard presentato a Milano in anteprima mondiale
I commenti di Alessandro Torcoli
Il Dosaggio Zero di Paillard presentato a Milano in anteprima mondiale

In anteprima mondiale, persino in anticipo sulla Francia, Leggi tutto

Il mitico Petrus diventa 20% colombiano
Dal mondo
Il mitico Petrus diventa 20% colombiano

La conferma è arrivata da Bordeaux: Château Pétrus Leggi tutto

Lettera sull’avvento di un Master of Wine italiano
I commenti di Alessandro Torcoli
Lettera sull’avvento di un Master of Wine italiano

L’Italia attende ancora il suo primo Master of Leggi tutto