L'altro bere L'altro bere Luca Giaccone

In uscita la Guida alle birre d’Italia 2017 Slow Food

In uscita la Guida alle birre d’Italia 2017 Slow Food

Dopo l’anteprima a Vinitaly 2016, il 20 aprile esce in tutte le librerie la Guida alle birre d’Italia 2016, curata da Luca Giaccone e Eugenio Signoroni e pubblicata da Slow Food Editore. Giunta alla sua quinta edizione, la pubblicazione quest’anno seleziona 512 aziende (tra birrifici e beer firm) e recensisce ben 2.708 birre. Numeri in grande crescita rispetto all’edizione precedente: due anni fa le aziende pubblicate erano 329, con 1.628 birre descritte. Comune alla precedente edizione rimane l’impianto generale, con la novità delle beer firm (aziende sprovviste di impianto di produzione, che si affidano ad altri birrifici per la produzione) cui è stata dedicata una sezione ad hoc, nella seconda metà del volume.

I premi speciali della Guida

Rimangono le attribuzioni dei riconoscimenti ai birrifici e alle birre:
25 chiocciole, aziende che meglio rappresentano la birra artigianale italiana
29 fusti, aziende con un’ottima qualità media delle birre più semplici
22 bottiglie, aziende con un’ottima qualità media delle birre più complesse
58 birre slow, birre che raccontano anche la storia di un territorio, di un birrificio o di un birraio
152 birre quotidiane, birre segnalate per equilibrio, semplicità e piacevolezza
172 grandi birre, birre di assoluto valore organolettico, da non perdere

Uno strumento utile e capillare sul territorio

I riconoscimenti attribuiti nella pubblicazione sono il frutto non solo delle (necessarie) degustazioni finali alla cieca, ma anche di una profonda conoscenza del panorama brassicolo nazionale, forte della collaborazione di più di cento tra collaboratori e coordinatori regionali. La Guida alle birre d’Italia 2017 si conferma uno strumento fondamentale per la scoperta di questo mondo, che in Italia non è mai stato così dinamico e che certamente merita di essere seguito con grandissima attenzione.

Le chiocciole 2017

I 25 birrifici artigianali che meglio rappresentano la produzione italiana sono:

Piemonte Elvo – Graglia (BI), LoverBeer – Marentino (TO), Montegioco – Montegioco (AL), Baladin – Piozzo (CN), Croce di Malto – Trecate (NO), Troll – Vernante (CN), Beba – Villar Perosa (TO)

Liguria Maltus Faber – Genova

Lombardia Elav – Comun Nuovo (BG), Birrificio Italiano – Limido Comasco (CO), Lambrate – Milano, Carrobiolo – Monza

Trentino-Alto Adige Batzen – Bolzano

Friuli Venezia Giulia Foglie d’Erba – Forni di Sopra (UD)

Emilia-Romagna Toccalmatto – Fidenza (PR), Birrificio del Ducato – Soragna (PR)

Marche MC77 – Serrapetrona (MC)

Toscana Brùton – Lucca

Abruzzo Almond ’22 – Loreto Aprutino (PE)

Lazio Birra del Borgo – Borgorose (RI)

Campania Il Chiostro – Nocera Inferiore (SA), Birrificio dell’Aspide – Roccadaspide (SA)

Puglia Birranova – Conversano (BA), B94 – Lecce

Sardegna Barley – Maracalagonis (CA)

Leggi quali sono gli altri birrifici e le birre premiate.

 

Slow Food Editore, 576 pagine
Prezzo: 16,5o euro (online 14 euro, soci Slow Food 11,55 euro)
In vendita qui e in libreria


© Riproduzione riservata - 14/04/2016

Leggi anche ...

Ipa, Pils e dintorni: è una questione di stile
Dall'Italia
Ipa, Pils e dintorni: è una questione di stile

I modelli internazionali degli stili di birra sono Leggi tutto

Milano Sake Challenge: al via la prima edizione
L'altro bere
Milano Sake Challenge: al via la prima edizione

Lunedì 11 novembre a Milano debutta il primo Leggi tutto

Solo rose bulgare per il Rosolio Carlotto
L'altro bere
Solo rose bulgare per il Rosolio Carlotto

Il liquore della tradizione mitteleuropea ha trovato una Leggi tutto