Dall'Italia Dall'Italia Jessica Bordoni

Una verticale di Solaia contro la pedofilia

Una verticale di Solaia contro la pedofilia

Il top dell’enologia e della gastronomia insieme per una serata di beneficenza. Lo scorso 7 febbraio, nel Baluardo della cittadella di Modena, la Marchesi Antinori ha presentato una verticale del suo storico Solaia con quattro annate speciali: 1997, 2001, 2004 e 2007. A guidarla il marchese Piero Antinori e l’enologo Renzo Cotarella. L’evento è proseguito con una cena preparata da tre superchef modenesi: Laura Galli Morandi dell’Hosteria Giusti, Massimo Bottura dell’Osteria Francescana e Luca Marchini del ristorante L’Erba del Re. I proventi sono stati interamente devoluti a La Caramella Buona, associazione nazionale contro la pedofilia.

1 promotori

I promotori dell’iniziativa. Da destra, il marchese Piero Antinori, Matteo Morandi dell'Hosteria Giusti e il presidente della onlus La Caramella Buona Roberto Mirabile

L’imperdibile degustazione del Solaia è cominciata col il 1997, annata record che nel 2000 venne premiata dalla rivista americana Wine Spectator come “Wine of the Year” (è stata la prima etichetta italiana a fregiarsi del titolo di miglior vino del mondo). Considerata una pietra miliare, si distingue per le sue perfette caratteristiche organolettiche. A seguire il 2001, con una bottiglia dalla struttura solida e bilanciata, tannini soffici e finale persistente. Si caratterizza per un forte carattere varietale ma dimostra al contempo un’inconfondibile identità toscana. Un salto di tre anni e si arriva alla vendemmia 2004, superclassico con notevoli potenzialità d’invecchiamento. Paradigma dell’equilibrio tra concentrazione, mineralità e profondità aromatica. Si conclude con la 2007,certamente uno tra i millesimi migliori in assoluto, che pur essendo sul mercato da poco ha gia ottenuto il plauso delle maggiori guide enologiche e riviste di settore.

piattoGiusti

La guanciola di vitello con purè di patate di Laura Galli Morandi dell'Hosteria Giusti

Dopo la verticale, gli ospiti hanno preso parte a una cena stellata.
Alle quattro entrée d’eccezione (mortadella Favola Palmieri, parmigiano reggiano Bertinelli, culatello, salame e pancetta Labadini e prosciutto crudo di Parma Ghirardi) sono seguite la tartare di razza bianca modenese con germogli e capperi preparata da Luca Marchini; i tortellini in crema di parmigiano cucinati da Massimo Bottura e la guanciola di vitello con purè di patate a cura di Laura Galli Morandi. Dulcis in fundo la crostata di amarene, sempre di Laura Galli Morandi.

Tag: , , , , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 11/02/2011

Leggi anche ...

Il Verdello ha il “suo” sperimentatore
Dall'Italia
Il Verdello ha il “suo” sperimentatore

Così chiamato per il colore verdastro dell’acino anc Leggi tutto

Da Soldati e Veronelli  all’alba dell’era post-Parker
Dall'Italia
Da Soldati e Veronelli all’alba dell’era post-Parker

L’addio lavorativo di Parker segna l’inizio di una Leggi tutto

Dove cenare a Palermo. Le nuove mete gastronomiche
Dall'Italia
Dove cenare a Palermo. Le nuove mete gastronomiche

Quali sono le ultime novità della ristorazione (aperture, Leggi tutto