Dall'Italia Dall'Italia Jessica Bordoni

Una verticale di Solaia contro la pedofilia

Una verticale di Solaia contro la pedofilia

Il top dell’enologia e della gastronomia insieme per una serata di beneficenza. Lo scorso 7 febbraio, nel Baluardo della cittadella di Modena, la Marchesi Antinori ha presentato una verticale del suo storico Solaia con quattro annate speciali: 1997, 2001, 2004 e 2007. A guidarla il marchese Piero Antinori e l’enologo Renzo Cotarella. L’evento è proseguito con una cena preparata da tre superchef modenesi: Laura Galli Morandi dell’Hosteria Giusti, Massimo Bottura dell’Osteria Francescana e Luca Marchini del ristorante L’Erba del Re. I proventi sono stati interamente devoluti a La Caramella Buona, associazione nazionale contro la pedofilia.

1 promotori

I promotori dell’iniziativa. Da destra, il marchese Piero Antinori, Matteo Morandi dell'Hosteria Giusti e il presidente della onlus La Caramella Buona Roberto Mirabile

L’imperdibile degustazione del Solaia è cominciata col il 1997, annata record che nel 2000 venne premiata dalla rivista americana Wine Spectator come “Wine of the Year” (è stata la prima etichetta italiana a fregiarsi del titolo di miglior vino del mondo). Considerata una pietra miliare, si distingue per le sue perfette caratteristiche organolettiche. A seguire il 2001, con una bottiglia dalla struttura solida e bilanciata, tannini soffici e finale persistente. Si caratterizza per un forte carattere varietale ma dimostra al contempo un’inconfondibile identità toscana. Un salto di tre anni e si arriva alla vendemmia 2004, superclassico con notevoli potenzialità d’invecchiamento. Paradigma dell’equilibrio tra concentrazione, mineralità e profondità aromatica. Si conclude con la 2007,certamente uno tra i millesimi migliori in assoluto, che pur essendo sul mercato da poco ha gia ottenuto il plauso delle maggiori guide enologiche e riviste di settore.

piattoGiusti

La guanciola di vitello con purè di patate di Laura Galli Morandi dell'Hosteria Giusti

Dopo la verticale, gli ospiti hanno preso parte a una cena stellata.
Alle quattro entrée d’eccezione (mortadella Favola Palmieri, parmigiano reggiano Bertinelli, culatello, salame e pancetta Labadini e prosciutto crudo di Parma Ghirardi) sono seguite la tartare di razza bianca modenese con germogli e capperi preparata da Luca Marchini; i tortellini in crema di parmigiano cucinati da Massimo Bottura e la guanciola di vitello con purè di patate a cura di Laura Galli Morandi. Dulcis in fundo la crostata di amarene, sempre di Laura Galli Morandi.

Tag: , , , , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 11/02/2011

Leggi anche ...

I cru del Bardolino sfidano il St. Magdalener
Dall'Italia
I cru del Bardolino sfidano il St. Magdalener

Le tre sottozone La Rocca, Montebaldo e Sommacampagna Leggi tutto

Pinot grigio delle Venezie, nasce lo “stile italiano”
Dall'Italia
Pinot grigio delle Venezie, nasce lo “stile italiano”

Gli attori della filiera si sono riuniti per Leggi tutto

Milano Wine Club, dedicato agli amanti del vino
Dall'Italia
Milano Wine Club, dedicato agli amanti del vino

Su modello londinese, nasce il Milano Wine Club. Leggi tutto