Tre Consorzi uniti per il “Tai”

Tre Consorzi uniti per il “Tai”

A distanza di tre anni dall’inserimento della Regione Veneto del Tai nel Registro nazionale delle varietà per i vini ottenuti da Tocai friulano, è stato presentato ieri a Sarmeola di Rubano (Padova) al ristorante Le Calandre il progetto promozionale “da vitigni antichi vini nuovi”.

Non solo comunicazione sulle peculiarità dell’iniziativa ma le diverse declinazioni dell’ex Tocai nelle versioni bianche (Lison e Tai) e rosso (Tai), rappresentate da tre Consorzi, in assaggio in accompagnamento ai piatti di Massimiliano Alajmo. «Il Tai rosso rapppresenta per i Colli Berici una delle espressioni vitivinicole più autentiche in un’area vocata e ha due identità: il rosso classico e la riserva» ha affermato Federico Tassoni, presidente Consorzio Colli Berici Doc. «Finalmente questo progetto  ha messo in  risalto la capacità di resistere nel tempo, la tipicità e la piacevolezza del Lison bianco, in attesa di Docg, sdoganandolo dal suo ruolo in accompagnamento al classico “cicchetto”» ha detto Mauro Stivai presidente del Consorzio Lison Pramaggiore.«La perdita del nome Tocai è stato un passaggio traumatico, a fronte del boom delle bollicine dobbiamo dare forza a iniziative che rappresentino l’identità del territorio come il Tai e il Raboso, che contano vigne con età dai 30 ai 50 anni – ha commentato Antonio Bonotto, presidente della Doc Piavein particolare dobbiamo renderlo noto come vino di velluto, non come vino ruspante».

IMG_3213

Stefano Sisto, dirigente della Regione Veneto

Nel 2009 la produzione dell’ex Tocai in Veneto ha visto al primo posto il Lison classico con circa 750.000 bottiglie, seguito dal Lison con 650.000 bottiglie, il Tai rosso Colli Berici con circa 350.000, e Tai Piave e Colli Berici bianco con una quota inferiore alle 100.000 bottiglie.

“Da vitigni antichi vini nuovi” rappresenta l’iniziativa promozionale resa possibile dai finanziamenti di Regione Veneto e MIPAF che, dopo il successo dell’iniziativa che ha visto dal 1° giugno la presenza di uno stand degustazione per 24 vini di 24 aziende diverse e la raccolta di 20.000 contatti presso l’aeroporto Marco Polo di Venezia, prevederà nuove iniziative informative e di sensibilizzazione sulla stampa e presso fiere di rilievo che coinvolgeranno i tre Consorzi, oggi chiamati a fare sistema. In programma, inoltre, la presentazione di un nuovo volume dedicato al Tai, per evidenziarne storia e prospettive. «L’obiettivo è fare familiarizzare il consumatore con le potenzialità delle nostre denominazioni» ha detto Stefano Sisto, dirigente della Regione Veneto. Soddisfazione anche per Carlo Favero, direttore del Consorzio Lison Pramaggiore che è stato coordinatore del progetto Tai nel 2009-2010  che ha annunciato la continuazione dell’iniziativa promozionale presso l’aeroporto Marco Polo fino a maggio 2011.

Tag: , , , , , , , , , ,

© Riproduzione riservata - 02/12/2010

Leggi anche ...

Il Verdello ha il “suo” sperimentatore
Dall'Italia
Il Verdello ha il “suo” sperimentatore

Così chiamato per il colore verdastro dell’acino anc Leggi tutto

Da Soldati e Veronelli  all’alba dell’era post-Parker
Dall'Italia
Da Soldati e Veronelli all’alba dell’era post-Parker

L’addio lavorativo di Parker segna l’inizio di una Leggi tutto

Dove cenare a Palermo. Le nuove mete gastronomiche
Dall'Italia
Dove cenare a Palermo. Le nuove mete gastronomiche

Quali sono le ultime novità della ristorazione (aperture, Leggi tutto