Dal mondo Dal mondo Elena Erlicher

Riedel Performance, calici a “impatto ottico”

Riedel Performance, calici a “impatto ottico”

Un calice da Riesling non può andare bene per uno Chardonnay e viceversa; così come uno da Pinot nero non è assolutamente adatto a un classico taglio bordolese. Ogni vino vuole il suo bicchiere. E noi lo abbiamo testato di persona con la nuova linea Performance di Riedel, il noto marchio austriaco specializzato nella produzione di calici, durante il Press Day del 7 giugno a Milano.

La filosofia varietale di Riedel

«La maggior parte degli elementi che danno vita a un vino cambiano a seconda del produttore e della zona di provenienza», dice Maximilian J. Riedel, undicesima generazione alla guida dell’azienda. «Mentre ciò che non cambia mai è il Dna dei vitigni che lo compongono: questo è unico per ogni varietà». Così riassume in poche parole il pensiero che Riedel ha maturato in anni di ricerca e sviluppo per ideare soluzioni innovative.

 

Maximilian Riedel

 

Il nuovo “impatto ottico” in degustazione

La linea Performance, presentata in anteprima a ProWein 2018, aggiunge alla filosofia dei bicchieri varietali anche la novità dell’“impatto ottico”. I calici sono caratterizzati da un effetto “ottico” visibile esternamente, che al loro interno permette un “impatto” degustativo e sensoriale nuovo. In parole semplici: «La superficie interna del bicchiere è lievemente ondulata», spiega Maximilian J. Riedel, «garantendo così un maggior contatto del vino con la stessa. Se infatti aprissimo idealmente il bicchiere a metà, lo “stirassimo” e lo ricomponessimo, risulterebbe un bicchiere più grande». In questo modo i calici Performance permettono al vino di aprirsi pienamente e sprigionare ogni singolo aroma o sottile nuance.

La gamma completa di calici Riedel Performance

I calici Performance sono realizzati a macchina, anche se a vederli con i loro steli sottili e le ampie basi sembrano fatti a mano. Sono leggeri, resistenti e a prova di lavastoviglie, e hanno sette forme diverse: Riesling, Chardonnay, Champagne, Pinot nero, Cabernet/Merlot, Syrah e Spirits (distillati).

 

I calici Riedel Performance alla prova

 

Il tasting di Riesling e Chardonnay

Al Riedel Tasting Bar allestito per l’occasione abbiamo potuto testare con mano (naso e bocca) la linea Performance. Abbiamo assaggiato:

  • Schloss Gobelsburg – Ried (cru) Heiligenstein Riesling Kamptal 2016
  • Planeta – Chardonnay Menfi Doc 2016

Il Riesling nel “suo” bicchiere si è dimostrato in perfetto equilibrio tra acidità e frutto, mentre degustato nel calice da Chardonnay era un vino completamente diverso, muto e piatto, dove tutta la mineralità pareva disperdersi in una “cassa di risonanza” troppo ampia. Lo stesso è accaduto allo Chardonnay: perfetto, setoso e “solare” nel calice da Chardonnay; irriconoscibile in quello da Riesling.

Pinot nero, Blaufränkisch e Cabernet alla prova

L’impressione è stata la medesima per quanto riguarda i rossi. In degustazione:

  • Johanneshof Reinisch – Grillenhügel Pinot noir
  • J. Heinrich – Goldberg Reserve Blaufränkisch
  • Ca’ Marcanda – Magari Bolgheri Doc 2016

Il calice da Pinot nero evidenziava note più fruttate e dolci, quello da Syrah (adatto all’autoctono austriaco Blaufränkisch, simile a un Syrah da climi freddi) esaltava le nuance speziate, quello da Cabernet/Merlot metteva in risalto frutta nera, note erbacee per un sorso setoso, equilibrato e rotondo. Gli stessi vini assaggiati in calici non adatti perdevano le loro caratteristiche tipiche rivelando addirittura difetti, come tannini eccessivamente ruvidi.

Per provare a casa la stessa esperienza con i calici Riedel Performance servono 44,90 euro per la confezione da due. Tutte le info su www.riedel.com

Tag: ,

Leggi anche ...

Borgogna 2017 (e preview 2018): cosa ci aspetta nel calice
Dal mondo
Borgogna 2017 (e preview 2018): cosa ci aspetta nel calice

Mentre già si fanno le prime previsioni sulla Leggi tutto

Paillard si dimette per la tutela dello Champagne
Dal mondo
Paillard si dimette per la tutela dello Champagne

Dopo quasi 20 anni di presidenza, Bruno Paillard Leggi tutto

Dal Brasile il nuovo presidente Oiv: Regina Vanderlinde
Dal mondo
Dal Brasile il nuovo presidente Oiv: Regina Vanderlinde

Per la terza volta consecutiva alla presidenza dell’Oiv Leggi tutto