Ottagono, omaggio di Torrevento al Castel del Monte

Ottagono, omaggio di Torrevento al Castel del Monte

Torrevento è fra le Cantine che negli ultimi tre anni hanno ricevuto giudizi di eccellenza per i loro vini da almeno tre Guide enologiche nazionali. Li abbiamo chiamati Maestri dell’eccellenza, premiando la loro costanza qualitativa. L’elenco completo è sul Top delle guide vini 2019.

Nel cuore del Parco nazionale dell’Alta Murgia, ai piedi dello spettacolare Castel del Monte, in contrada Torre del Vento e circondato da 250 ettari di vigne di proprietà, s’incontra un antico monastero benedettino nelle cui cantine scavate nella roccia riposano i vini di Torrevento. L’obiettivo principale di questa Cantina, nata nel 1948 e diretta da Francesco Liantonio, che porta lo stesso nome del nonno fondatore dell’azienda, è la valorizzazione dei vitigni autoctoni, tra cui il Nero di Troia.

Il miglior vino Torrevento nel 2019: Ottagono Castel del Monte Riserva 2015

Quale riconoscimento di un importante e passionale percorso di studio, recupero, selezione e valorizzazione di questo vitigno, nel 2019 le Guide hanno premiato Ottagono, Castel del Monte Nero di Troia Riserva Docg 2015. L’ottimo andamento vendemmiale, grazie a un perfetto bilanciamento tra piogge primaverili e un’estate calda e secca, ha favorito una qualità eccellente. «Questo vino è un omaggio al famoso maniero di Castel del Monte e alla sua forma ottagonale, oltre a rappresentare l’impegno di Torrevento secondo i principi della sostenibilità ambientale, etica ed economica», afferma Francesco Liantonio.Che conclude: «Ottagono è il risultato del perfetto connubio tra territorio, uomo e prodotto». Rubino con riflessi violacei, il bouquet di prugne e ciliegie mature è intenso e profondo; morbido e corposo al palato, i tannini sono equilibrati da un sapiente e lungo affinamento in grandi botti di rovere.

Ottagono, Castel del Monte Nero di Troia Riserva Docg 2015

Le uve Nero di Troia provengono da un unico e storico vigneto ai piedi del famoso maniero federiciano di Castel del Monte a 480 metri di altitudine. Dopo la fermentazione e lunga macerazione, il vino affina 8 mesi in cemento e 14 mesi in botte grande.

Altre etichette premiate

Veritas, Castel del Monte Bombino nero Docg Rosato 2017
Vigna Pedale, Castel del Monte Rosso Riserva Docg 2015

Questo articolo è tratto da Civiltà del bere 1/2019. Se sei un abbonato digitale, puoi leggere e scaricare la rivista effettuando il login. Altrimenti puoi abbonarti o acquistare la rivista su store.civiltadelbere.com (l’ultimo numero è anche in edicola). Per info: store@civiltadelbere.com

Tag: , , ,

© Riproduzione riservata - 18/05/2019

Leggi anche ...

Dove cenare a Messina. Le nuove mete gastronomiche.
Dall'Italia
Dove cenare a Messina. Le nuove mete gastronomiche.

Quali sono le ultime novità della ristorazione (aperture, Leggi tutto

Torre Rosazza ritrova la sua casa
Dall'Italia
Torre Rosazza ritrova la sua casa

Torre Rosazza interpreta l’unicità del territorio friulano in Leggi tutto

Il Verdello ha il “suo” sperimentatore
Dall'Italia
Il Verdello ha il “suo” sperimentatore

Così chiamato per il colore verdastro dell’acino anc Leggi tutto