A Narni Ciliegiolo da tutta Italia il 14 e 15 maggio

A Narni Ciliegiolo da tutta Italia il 14 e 15 maggio

Deve il suo nome al colore e alla nota caratteristica di ciliegia, ma il suo antico destino di uva da taglio cede progressivamente il passo a inedite versioni in purezza, che ne valorizzano il frutto e la freschezza. Forse è per questo che al Ciliegiolo, autoctono a bacca rossa tipico del centro Italia, viene dedicata un’intera manifestazione. Sabato 14 e domenica 15 maggio il borgo umbro di Narni (in foto) ospita la seconda edizione di Ciliegiolo d’Italia, con quasi 40 produttori di questa varietà, provenienti dall’Umbria, dalla Toscana e da altre regioni dove è diffusa e valorizzata.

Narni, Ciliegiolo e oltre

Nel confronto fra diversi stili, filosofie, zone produttive e microclimi emergono le qualità del vitigno e le sue peculiarità. Il ricco programma della due giorni spazia dai banchi d’assaggio alle degustazioni guidate, tematiche o bendate, fino agli incontri di approfondimento. Ma non può mancare la cucina, con i cooking show dei ristoratori umbri – con Michele Pidone del ristorante Il Lampone (Spoleto), Enzo Iapadre del Bistrot dei Sognatori (Stroncone), Francesco Cocchi del ristorante Salefino (Terni), Armando Beneduce del ristorante Nascostoposto (Stroncone) – e i prodotti tipici offerti in assaggio dai presidi Slow Food Terre dell’Umbria Meridionale.

Le Cantine di Ciliegiolo d’Italia 2016

Sono quasi 40 i produttori di Ciliegiolo protagonisti dell’evento. Innanzitutto i sette membri dell’Associazione Produttori Ciliegiolo di Narni, che organizzano l’evento: Leonardo Bussoletti, Giro di Vento, Tenuta Casale Milli, Ruffo della Scaletta, Tenuta Fabbrucciano, Agricola Ponteggia e Cantina Sandonna, accanto alla fattoria didattica di Narni “La Fattoria Incantata”. Dal resto della regione, partecipano La Palazzola, Cantina Colli Amerini, San Cristoforo, Zanchi, Fuccelli, Fontesecca e Collecapretta. In rappresentanza della vicina Toscana, sono a Ciliegiolo d’Italia 2016: Castellani Tenuta Santa Lucia, Sator, Fattoria di Caspri, Podere San Ferdinando, Cappella di Sant’Andrea, Motta Vini, Mantellassi, Rascioni&Cecconello, Sassotondo, Antonio Camillo, Vignaioli Morellino di Scansano, Marco Salustri, La Selva, Le Lupinaie, Il Sassone, La Pierotta, La Busattina e Valdonica. Completano il gruppo altre aziende “extraterritoriali”: Conte Picedi Benedettini dalla Liguria, la lombarda Ligabue, Vini Gagliardi, in rappresentanza delle Marche, e l’azienda vinicola pugliese Primis.

Tasting guidati

Le degustazioni guidate sono gratuite e si tengono nel Museo della Città di Palazzo Eroli (largo San Francesco), in sala Camino. Sabato alle ore 15 si comincia con “Il Ciliegiolo nel tempo” a cura di Fabio Pracchia (Slow Wine), e alle ore 18 “Ciliegiolo d’Italia: territori e stili a confronto” con Giampaolo Gravina (Pietre Colorate). Domenica alle ore 15 si prosegue con “Il Ciliegiolo di Narni in anteprima” a cura di Antonio Boco (Gambero Rosso), per concludere alle ore 18 con “Il Ciliegiolo e gli intrusi: distinzioni e affinità“, tasting guidato da Giampiero Pulcini (Fondazione Italiana Sommelier). Per prenotazioni: info@ciliegioloditalia.it

 

Tag: , ,

© Riproduzione riservata - 11/05/2016

Leggi anche ...

La Valpolicella blocca gli impianti per arginare il fenomeno Amarone
Dall'Italia
La Valpolicella blocca gli impianti per arginare il fenomeno Amarone

Blocco totale degli impianti in Valpolicella per tr Leggi tutto

VinoVip Cortina 2019, lo spettacolo sta per cominciare
Dall'Italia
VinoVip Cortina 2019, lo spettacolo sta per cominciare

Siamo alla dodicesima edizione di VinoVip Cortina, la Leggi tutto

L’Abbuoto è felice solo nel suo terroir d’origine
Dall'Italia
L’Abbuoto è felice solo nel suo terroir d’origine

L’Abbuoto è un’uva a bacca rossa originaria d Leggi tutto