Weekend a Verona alla mostra Arte e vino

Weekend a Verona alla mostra Arte e vino

Che il vino ispiri da secoli l’arte è cosa nota. La nuova mostra Arte e vino, inaugurata lo scorso 11 aprile e in programma fino al 16 agosto al Palazzo della Gran Guardia di Verona, offre l’occasione per una originale degustazione a tutto tondo del tema, con 184 opere esposte tra dipinti, sculture e oggetti preziosi. Una full immersion panoramica dal Cinquecento al Novecento per documentare il variopinto e profondo legame del vino con la storia e la tradizione italiana, e si conclude in bellezza con l’opportunità di un wine tasting finale.

mostra-arte-e-vino-calice-murano

Tra le opere in mostra, calice in vetro colorato soffiato (Murano, 1550–1600)

In mostra Arte e Vino. Dall’affresco…

La notizia di questa mostra era da tempo nell’aria. Fino all’ultimo, però, è stato mantenuto il più stretto riserbo: la nostra visita rende quindi giustizia a una comprensibile curiosità. Visto il clima artistico-conviviale in cui si è immersi sin dalla prima sala, vogliamo condividerla con voi: benvenuti al primo piano del Palazzo della Gran Guardia! Da subito l’esposizione si presenta come un maestoso affresco di vino e cibo nella mitologia, nella religione, nel mondo dei sentimenti, della convivialità e del lavoro. Le 184 opere esposte provengono da oltre 90 prestatori italiani e stranieri. Il focus è sull’antichità e sul Rinascimento, sulla forza barocca del Seicento e il mondano Settecento, sino alla vita borghese dell’Ottocento. Minor spazio è dedicato alle espressioni più moderne o astratte del XX secolo, tuttavia rappresentato da nomi importanti come De Pisis, Depero, Morandi, Sironi, Guttuso e Picasso. Ampio rilievo viene conferito sin dall’inizio della visita ai temi bacchici: dalla versione classica di Annibale Carracci da Capodimonte al carnale Bacco Ebbro di Peter Paul Rubens; non mancano atmosfere mitiche e poeticamente naturalistiche nelle immagini di Baccanali, vendemmie o allegorie dell’autunno. Tra i nomi più noti, oltre a quelli già citati, Tiziano, Luca Giordano e Giovanni Battista Tiepolo. Da non perdere i piccoli gioielli di arte ceramica, vetraria e manifatturiera che dialogano con le opere d’are: coppe in argento e oro, calici di Murano, maioliche di importanti manifatture del Quattro e Cinquecento, porcellane e bisquit del XVIII secolo.

…al bicchiere

Fa piacere concludere la visita con una wine experience di etichette di pregio. Accanto al bookshop sono stati allestiti uno spazio degustazione e un wineshop, dove acquistare vini delle cantine sponsor: Allegrini Corte Giara, Feudi di San Gregorio, Poggio al Tesoro, Trentodoc, Valle Reale e Villa Sandi. Un’occasione per gustare preziosi tra bianchi e rossi di carattere, dal Veneto al Trentino, dalla Toscana alla Campania, con formaggi, salumi o delikatessen della tradizione locale. Insomma, dopo un tuffo nella storia, niente di meglio che un brindisi reale al binomio di eccellenze costituito da arte e vino, di cui l’Italia è grande maestra.

Qualche informazione utile

La mostra Arte e vino è aperta tutti i giorni dalle ore 9.30 alle 20.30 (venerdì la chiusura è alle 22.30). Il costo del biglietto è di 12 euro intero, 9 euro ridotto (audioguida compresa) e gruppi da 15 a 25 persone, 4,5 euro scuole, gratuito fino a 6 anni. Per prenotare: 045.71.101.27 – www.mostraarteevino.it. L’esposizione, in stretta relazione con Expo2015, è curata da Annalisa Scarpa e Nicola Spinosa. La mostra Arte e vino è promossa da Comune di Verona, Provincia autonoma di Trento, Veronafiere, Museo Statale Ermitage e Mart; è prodotta e organizzata da Villaggio Globale International e Skira Editore con il sostegno di Fondazione Cariverona e Trentino Marketing.

Idee gourmet per il pranzo

Dopo la visita, la degustazione prosegue a tavola. Se siete in cerca di consigli per un pranzo a Verona, affidatevi alle cure di Casa Perbellini, in piazza San Zeno 16 (045.8780860 – casaperbellini.it), o accomodatevi fra le pregiate bottiglie dell’Antica Bottega del Vino in via Scudo di Francia 3 (045.8004535 – www.bottegavini.it). Fuori città, in Valpolicella, fermatevi all’Enoteca di Fumane (in via Osan di Sopra 45 a Fumane, 045.6839146 – www.enotecadellavalpolicella.it), facilmente raggiungibile imboccando la tangenziale da Verona nord o dal centro cittadino.

Tag: , , , ,

© Riproduzione riservata - 17/04/2015

Leggi anche ...

I cru del Bardolino sfidano il St. Magdalener
Dall'Italia
I cru del Bardolino sfidano il St. Magdalener

Le tre sottozone La Rocca, Montebaldo e Sommacampagna Leggi tutto

Pinot grigio delle Venezie, nasce lo “stile italiano”
Dall'Italia
Pinot grigio delle Venezie, nasce lo “stile italiano”

Gli attori della filiera si sono riuniti per Leggi tutto

Milano Wine Club, dedicato agli amanti del vino
Dall'Italia
Milano Wine Club, dedicato agli amanti del vino

Su modello londinese, nasce il Milano Wine Club. Leggi tutto