Mai sentito un fiasco di successo? Yes, quello di Ruffino

Mai sentito un fiasco di successo? Yes, quello di Ruffino

La Ruffino, con il capitale negli Usa e l’anima in Toscana, ha reinventato il fiasco, come altri d’altronde, ma considerato il binomio tra la Casa di Pontassieve e la bottiglia simbolo del rosso toscano, questo restyling ha un valore particolare. Il progetto, presentato quest’anno, è stato accolto dal pubblico con entusiasmo e ciò segna un bel punto a favore del nuovo management, che sta realizzando al meglio la strategia Chianti-centrica dell’azienda.

La presentazione del nuovo fiasco Ruffino

IL NUOVO FIASCO: UN SUCCESSO – Abbiamo attualizzato il fiasco“, ci ha spiegato l’AD della Ruffino Sandro Sartor a margine della presentazione di ieri al ristorante Pisacco di via Solferino (Milano). “Abbiamo attinto a valori contemporanei, ad esempio la paglia è diventata carta ecosostenibile certificata, fornita dalla stessa ditta di una volta, e il fiasco è prodotto da Vetreria Etrusca, la medesima azienda che lo produceva negli anni Cinquanta“. Insomma il legame con il territorio è profondo, a dispetto di chi insinuava che l’acquisizione di Costellaton Brands avrebbe comportato una perdita di identità. Anzi, la nuova Ruffino ha investito 3 milioni e mezzo di euro in comunicazione globale, il doppio di prima, aprendo spazi enormi di crescita. E infatti l’azienda è ripartita alla grande. Il “new fiasco” piace molto, dice Sartor: “In tre settimane abbiamo superato quanto preventivato in 3 mesi. Pensavamo inizialemente a 3 mila classe (da 12 bottiglia), invece  ne saranno spedite  7-8 mila“.

Il Rosatello in versione vintage

NEW STYLE PER CHIANTI SUPERIORE E ROSATELLO – Le cose vanno talmente bene che per l’anno prossimo l’azienda non si è data neppure un obiettivo di volumi. Il prezzo del Chianti Superiore Ruffino, sullo scaffale, è di 12 euro, ed è distribuito solo in enoteca. E’ un vino giovane, tradizionale, composto da un 80% di Sangiovese più Merlot e Cabernet. Vinificato nelle tenute proprie. Insomma, è un Chianti in sintonia con i trend registrati nei consumi di rosso. Quest’anno è stato reinterpretato anche il Rosatello, altra icona Ruffino degli Anni Cinquanta. La bottiglia a goccia ebbe un enorme successo. La nuova confezione appresenta un bell’esempio di packaging “vintage“, per un vino da apertitivo, dall’aroma fruttato destinato anch’esso all’horeca e venduto a circa 6 euro. Anche in questo caso il successo di vendite a dato il la ad altri progetti, e  la prossima estate usciranno un bianco e un rosso.

Tag: , , , , ,

Leggi anche ...

La Cina è più vicina all’Hong Kong Wine & Spirits Fair 2018
Dal mondo
La Cina è più vicina all’Hong Kong Wine & Spirits Fair 2018

La manifestazione si conferma un appuntamento fondamentale per Leggi tutto

Le strategie di Wine Marketing di Nomisma in un libro
Dall'Italia
Le strategie di Wine Marketing di Nomisma in un libro

Che cosa può essere utile alle imprese per Leggi tutto

Taiwan e Filippine: due mercati in ascesa
Dal mondo
Taiwan e Filippine: due mercati in ascesa

A Taiwan e nelle Filippine i winelover crescono Leggi tutto