Lo studio sul packaging del Consorzio Tutela Vini Valpolicella

Lo studio sul packaging del Consorzio Tutela Vini Valpolicella

Primo piano sull’etichetta intesa come strumento di comunicazione dell’identità di un’azienda e di un marchio di territorio nel nuovo studio presentato a Vinitaly dal Consorzio Tutela Vini Valpolicella e svolto dal dipartimento di Economia aziendale dell’Università degli Studi di Verona. Sotto la lente degli esperti: bottiglie, capsule, etichette anteriori, posteriori e colli di bottiglia di 703 vini Valpolicella (di cui 202 Amarone) di 133 aziende, pari ai 2/3 degli imbottigliatori del Consorzio. Presentata dalla giornalista de L’Informatore Agrario Clementina Palese, la ricerca ha messo in rilievo per la prima volta stili di packaging diversi. «Il nostro obiettivo è accrescere la consapevolezza verso scelte di packaging orientate a marchio collettivo e marchio aziendale», ha dichiarato Christian Marchesini, vicepresidente del Consorzio Tutela Vini Valpolicella.

I relatori del convegno "Etichetta e bottiglia: haute couture o pret-à-porter del vino?": la giornalista dell'Informatore Agrario Clementina Palese, la professoressa dell'Università di Verona Roberta Capitello, Riccardo Facci di Facci & Pollini Advertising e il presidente di Vinarius Francesco Bonfio

A OGNUNO IL SUO STILE – Tra tanti elementi alcune linee di fondo: l’utilizzo di bottiglie bordolesi per il Valpolicella e di borgognotte per l’Amarone. Il Passito rosso Docg punta in particolare su colori nero o beige, mettendo in rilievo in etichetta più l’azienda che il prodotto e utilizzando immagini rurali che richiamano la storicità. Nero spiccato, invece, per il Ripasso dove sono in molti a fornire informazioni sul processo produttivo. «Emergono diversi stili», ha detto Roberta Capitello del dipartimento di Economia aziendale dell’Università di Verona. «La stragrande maggioranza è massive, per cui si mette in primo piano logo e Denominazione di origine. Per il Ripasso l’effetto è prevalentemente naturale, il Recioto presenta spesso paesaggi viticoli per collegarlo al suo terroir».

VERSO UN MARCHIO COLLETTIVO SIMBOLO DELL’IDENTITÀ TERRITORIALE – In conclusione il packaging contribuisce e può contribuire in modo sempre più importante non solo a comunicare l’impresa ma anche l’identità di territorio rendendo più efficaci sul mercato le politiche di valorizzazione e di promozione dei prodotti. In questo senso il Consorzio ha annunciato l’intenzione di dar vita a un concorso di idee per la realizzazione di un marchio collettivo che dia un’immagine forte e immediatamente percepibile dell’identità territoriale.

Tag: , , , , , , , ,

Leggi anche ...

Chi ci berrà nel 2022?
Dall'Italia
Chi ci berrà nel 2022?

Un’indagine Nomisma Wine Monitor fa il punto su Leggi tutto

La Cina è più vicina all’Hong Kong Wine & Spirits Fair 2018
Dal mondo
La Cina è più vicina all’Hong Kong Wine & Spirits Fair 2018

La manifestazione si conferma un appuntamento fondamentale per Leggi tutto

Le strategie di Wine Marketing di Nomisma in un libro
Dall'Italia
Le strategie di Wine Marketing di Nomisma in un libro

Che cosa può essere utile alle imprese per Leggi tutto