L’Amarone Riserva Sergio Zenato 2012 fa onore al fondatore

L’Amarone Riserva Sergio Zenato 2012 fa onore al fondatore

Zenato è fra le Cantine che negli ultimi tre anni hanno ricevuto giudizi di eccellenza per i loro vini da almeno tre Guide enologiche nazionali. Li abbiamo chiamati Maestri dell’eccellenza, premiando la loro costanza qualitativa. L’elenco completo è sul Top delle guide vini 2019.

Il rosso e il bianco, o meglio “il cuore della Valpolicella e l’anima del Lugana”. È il motto dell’azienda Zenato di Peschiera del Garda, sulla sponda veneta del lago. Tra i meriti della Cantina, fondata nel 1960 da Sergio Zenato e dalla moglie Carla, c’è quello di aver trasformato un’uva autoctona sconosciuta, il Trebbiano di Lugana, in un bianco di straordinaria longevità. L’acquisto della tenuta Costalunga, nell’area classica della Valpolicella, ha permesso alla famiglia Zenato di sviluppare un grande know how anche sul fronte dei rossi veronesi, a cominciare dall’Amarone.

Il miglior vino Zenato del 2019: Amarone Riserva 2012

Le Guide nazionali hanno elogiato sia l’Amarone della Valpolicella Docg Classico Riserva Sergio Zenato 2012 che il Lugana Doc Riserva Sergio Zenato 2015. «Per quanto riguarda il nostro Amarone, l’annata 2012 ha visto un andamento stagionale anomalo, con scarse precipitazioni e un clima altalenante, che ha costretto le viti a fronteggiare un importante stress idrico», ha spiegato Nadia Zenato, al comando con il fratello Alberto e la madre Carla. «Ad agosto, grazie all’abbassamento delle temperature e alle piogge, le piante hanno ristabilito il loro equilibrio e gli sbalzi termici giorno-notte hanno consentito all’uva di maturare lentamente in un ottimo stato sanitario, donandoci un Amarone avvolgente, caldo, che dà subito l’idea di pienezza e rotondità unita a una grande struttura».

Riserva Sergio Zenato, Amarone della Valpolicella Classico Docg 2012

Corvina 80%, Rondinella 10%, Oseleta e Croatina 10%. L’uva è lasciata appassire per 4 mesi in fruttai. Alla lenta fermentazione, segue l’affinamento per almeno 4 anni in botti di rovere di grandi dimensioni e 1 anno in bottiglia

Altre etichette premiate

Riserva Sergio Zenato, Lugana Doc 2015
Sansonina
Vigna del Moraro Verde, Lugana Doc 2016 fermentazione spontanea

Questo articolo è tratto da Civiltà del bere 1/2019. Se sei un abbonato digitale, puoi leggere e scaricare la rivista effettuando il login. Altrimenti puoi abbonarti o acquistare la rivista su store.civiltadelbere.com (l’ultimo numero è anche in edicola). Per info: store@civiltadelbere.com

Tag: , , ,

Leggi anche ...

VinoVip Cortina 2019, lo spettacolo sta per cominciare
Dall'Italia
VinoVip Cortina 2019, lo spettacolo sta per cominciare

Siamo alla dodicesima edizione di VinoVip Cortina, la Leggi tutto

Il Bianchello ritrova la sua identità
Dall'Italia
Il Bianchello ritrova la sua identità

Vitigno già conosciuto in epoca romana, in provincia Leggi tutto

Réva: una Cantina per tre enologi nel cuore delle Langhe
Dall'Italia
Réva: una Cantina per tre enologi nel cuore delle Langhe

Ossequio alla tradizione sì, ma quanto basta per Leggi tutto