L’alberello di Pantelleria candidato all’Unesco

L’alberello di Pantelleria candidato all’Unesco

La vite allevata ad alberello di Pantelleria è stata candidata ad entrare a far parte del Patrimonio mondiale dell’Unesco. L’alberello è una delle forme di allevamento più antiche ed è arrivato al seguito della colonizzazione greca del Mediterraneo e ne ha seguito le rotte. Particolarmente adatto ai climi caldo-asciutti e ai terreni poco fertili, a Pantelleria ha la particolarità di essere impiantato in una conca sia per difendere la vite dal vento che per raccogliere la scarsa piovosità convogliandola verso le radici. Rispetto alle forme espanse consente un’alta densità di ceppi per ettaro e il limitato sviluppo permette di ottenere uve di alta qualità e di elevata gradazione zuccherina.

alberello

Le viti di Zibibbo allevate all’interno di conche ad alberello pantesco basso (foto P. Scafidi)

Questa forma di allevamento inserito in un contesto altamente suggestivo come quello di Pantelleria tra terrazzamenti e muretti a secco, non solo è un elemento che ha disegnato indelebilmente  il paesaggio ma  ha caratterizzato fortemente l’identità culturale e produttiva dell’isola. Peccato che questa testimonianza unica nel corso degli anni si sia fortemente deteriorata. Infatti se sino agli anni Ottanta la superficie vitata di Pantelleria si estendeva per 4.000 ettari oggi si arriva a poco più di 600 e anche il calo della produzione è stato altrettanto sensibile: dai 200.000 quintali di 30 anni fa ai 25/26.000 quintali di oggi. Riconoscere l’alberello come Patrimonio dell’Unesco è un utile passo per frenare l’abbandono.

Tag: , , ,

Leggi anche ...

Natale gourmet: scegli il tuo menu d’autore
Dall'Italia
Natale gourmet: scegli il tuo menu d’autore

A Natale siamo tutti più buoni. Quante volt Leggi tutto

Autoctono in terra straniera: il Wildbacher dalla Stiria a Treviso
Dall'Italia
Autoctono in terra straniera: il Wildbacher dalla Stiria a Treviso

Il Wildbacher è un vitigno originario della Stiria. Leggi tutto

Ca’ di Rajo, paladini della vigna a Bellussera
Dall'Italia
Ca’ di Rajo, paladini della vigna a Bellussera

La bollicina più prestigiosa dell’azienda della famiglia Cecchetto Leggi tutto