Dall'Italia Dall'Italia Emanuele Pellucci

Chianti Classico Collection 2017. Novità e tasting notes

Chianti Classico Collection 2017. Novità e tasting notes

È un Chianti Classico sempre più internazionale quello che ieri e lunedì ha celebrato la ventiquattresima edizione delle Anteprime Toscane. Una internazionalizzazione dovuta non soltanto alla partecipazione di circa 250 giornalisti da tutto il mondo, ma anche perché l’evento organizzato dal Consorzio ha rappresentato il debutto in Italia dell’esclusivo club Wine Origins, di cui fanno parte 20 tra le più prestigiose regioni vitivinicole del mondo – tra cui il Chianti Classico Docg.

L’Anteprima alla Leopolda

L’Anteprima, nella consueta cornice della vecchia Stazione Leopolda di Firenze, era dedicata ai vini della più antica denominazione del mondo, festeggiata, come si ricorderà, nel settembre scorso per i 300 anni del Bando del Granduca Cosimo III de’ Medici (1716). Protagonisti di questa Chianti Classico Collection – rivolta alla stampa e agli addetti ai lavori – erano le vendemmie dalla 2016 (con i campioni da botte), fino alle prime annate della tipologia Gran Selezione.

Chianti Classico 2015, annata eccellente

L’edizione 2017 ha segnato il record dei produttori partecipanti: 185 aziende per un totale di 676 etichette, tra cui 57 anteprime da botte della vendemmia 2016 e ben 87 Chianti Classico Gran Selezione, per un totale di circa 9 mila bottiglie. Grande attesa soprattutto per l’annata che entra quest’anno in commercio, la 2015, che ha fatto registrare una produzione di 290 mila ettolitri. È stata una vendemmia eccellente grazie al favorevole andamento climatico e all’accurato lavoro in vigna e in cantina da parte dei produttori. Un’annata dunque di altissimo livello, come hanno confermato gli assaggi alla Stazione Leopolda, che più di altre ha esaltato le caratteristiche del Sangiovese: dai valori di estratto, antociani, polifenoli e profumi varietali di unicità e concentrazione.

 

 

Nuovi progetti: distretto rurale del Chianti e candidatura Unesco

Ottime notizie anche sul versante commerciale. «Siamo molto soddisfatti dell’affermazione dei nostri vini nei mercati internazionali e anche del rinnovato interesse del mercato domestico», ha commentato Sergio Zingarelli, presidente del Consorzio. «È un risultato che premia il lungo lavoro di rilancio della denominazione svolto negli ultimi anni e culminato con l’introduzione nel 2014 della Gran Selezione. Oggi abbiamo davanti a noi altre grandi sfide: la costituzione del distretto rurale del Chianti e la candidatura Unesco sono solo due esempi dei progetti di valorizzazione del nostro territorio a cui stiamo lavorando».

L’unica area italiana di Wine Origin

A proposito del club Wine Origin. Si tratta di un movimento transnazionale nato nel 2005 per tutelare le denominazioni d’eccellenza e orientare il consumatore di fronte a un’offerta enologica in costante espansione. “Joint Declaration to Protect Wine Place & Origin”, è insomma una sorta di mappatura mondiale dei territori vocati alla produzione di grandi vini. Il Chianti Classico, unico distretto enologico italiano a sposare il progetto, vi ha aderito nel 2007.

Dal Chianti allo Champagne, da Jerez all’Oregon

A presentarlo, ieri mattina alla Leopolda, con il direttore generale del Consorzio Chianti Classico, Giuseppe Liberatore, anche i presidenti del Comité du Vins de Champagne, Jean-Marie Barillère e Maxime Tourbart, César Saldaña, direttore generale del Consejo Regulador Vinos de Jerez, Harry Perterson-Nedry fondatore della denominazione Willamette Valley Association (Oregon) e Bill Nesto, MW e professore alla Boston University, autore di recente di un interessante volume dal titolo Chianti Classico: The Search for Tuscany’s Noblest Wine.

L’export in Cina cavalca l’anno del Gallo di Fuoco

Tra le altre recenti iniziative intraprese dal Consorzio, anche la collaborazione tra Chianti Classico e Champagne per sviluppare progetti comuni e l’azione di promozione sul mercato cinese attraverso la registrazione del marchio Gallo Nero in ideogrammi cinesi cogliendo l’occasione che il 2017 in Cina si celebra il “Gallo di Fuoco”. I produttori chiantigiani potranno così presentare le proprie etichette accompagnandole con gli ideogrammi che univocamente identificheranno i vini del Gallo Nero, mentre i consumatori potranno affidarsi alla dicitura nella propria lingua per riconoscere il Chianti Classico, sinonimo di qualità.

Tasting notes: 7 Chianti Classico, Riserva e Gran Selezione da assaggiare

Senza alcuna pretesa di esaustività, ecco 7 esempi Chianti Classico, Riserva e Gran Selezione da degustare, fra le etichette protagoniste di Chianti Classico Collection 2017.

Podere Poggio Scalette – Chianti Classico Docg 2015

Area viticola: Greve in Chianti
Uve: Sangiovese 100%
Prezzo: € 15
Voto: 90
Note tecniche: Fermentazione alcolica e malolattica in vasche di cemento, maturazione in cemento per 10 mesi e affinamento in bottiglia per un minimo di 3 mesi
Descrizione: Colore rosso rubino, note olfattive di frutta rossa, ciliegia, lampone, grande freschezza e facilità di beva
In due parole: L’eleganza dei vini di Vittorio Fiore

Marchesi Antinori – Marchese Antinori, Chianti Classico Riserva Docg 2014

Area viticola: San Casciano Val di Pesa
Uve: Sangiovese, Merlot
Prezzo: € 26
Voto: 89
Note tecniche: Vinificazione in acciaio, quindi malolattica in barrique di rovere francese, cui fa seguito la maturazione, sempre in piccoli carati, per circa 12 mesi.Il processo si conclude con l’affinamento in bottiglia per altri 12 mesi
Descrizione: Dal colore rosso rubino intenso, presenta un profumo fruttato e floreale ben integrato da note speziate e tostate. Al palato è morbido ed equilibrato, gli aromi di tostatura e frutto chiudono in un finale aromatico e persistente.
In due parole: Il Chianti dell’antica tradizione della Casa

Fontodi – Vigna del Sorbo, Chianti Classico Gran Selezione Docg 2013

Area viticola: Panzano
Uve: Sangiovese 100%
Prezzo: € 45
Voto: 91
Note tecniche: Fermentazione in acciaio a temperatura controllata su lieviti indigeni per 21 gg., maturazione in barrique di Tronçais e Allier (50% nuove) per 24 mesi
Descrizione: Rosso rubino carico, note di frutta rossa matura, sentori di cacao e cioccolato, tannini ben integrati, vino vellutato, di grande piacevolezza
In due parole: Uno dei vini top dell’azienda

Castello di Ama – San Lorenzo, Chianti Classico Gran Selezione Docg 2013

Area viticola: Gaiole in Chianti
Uve: Sangiovese 80%, Merlot 13%, Malvasia Nera 7%
Prezzo: € 36
Voto: 90
Note tecniche: Vinificazione in acciaio cui segue la fermentazione malolattica in barrique; al termine di questa avviene l’assemblaggio, quindi la maturazione in barrique di rovere per il 20% nuove e per l’80% di secondo passaggio per complessivi 12 mesi
Descrizione: Colore rosso rubino carico con sfumature porpora, note olfattive fruttate e speziate con accenno di note terziarie (tabacco, cuoio, pellame trattato); in bocca è ricco, rotondo, vellutato e persistente
In due parole: Il vino della tradizione di Ama

Castello di Querceto – Il Picchio, Chianti Classico Gran Selezione Docg 2013

Area viticola: Greve in Chianti
Uve: Sangiovese 95%, Canaiolo e Colorino 5%
Prezzo: € 25
Voto: 90
Note tecniche: Fermentazione in acciaio e macerazione per circa 20 gg. Maturazione in barrique di rovere Allier, Tronçais e Limousine per almeno 12 mesi e affinamento in bottiglia per altri 6 mesi
Descrizione: Rosso rubino intenso e brillante, delicato, elegante, armonico, con un notevole corpo e carattere spiccato
In due parole: L’espressione più schietta del Chianti Classico di Querceto

Marchesi Mazzei – Castello Fonterutoli, Chianti Classico Gran Selezione Docg 2013

Area viticola: Castellina in Chianti
Uve: Sangiovese 92%, Colorino 4%, Malvasia Nera 4%
Prezzo: € 40
Voto: 90
Note tecniche: Fermentazione termocontrollata per 15-18 gg., cui segue la maturazione in barrique di rovere francese per 20 mesi
Descrizione: Colore rosso rubino intenso con sfumature porpora, grande struttura, complesso bouquet floreale, molto ricco e persistente
In due parole: Frutto di 40 anni di ricerche

Agricola San Felice – Poggio Rosso, Chianti Classico Gran Selezione Docg 2013

Area viticola: Castelnuovo Berardenga
Uve: Sangiovese 100%
Prezzo: € 36
Voto: 89
Note tecniche: Fermentazione a contatto con le bucce per 20-25 gg. in acciaio ad una temperatura di 28 -30 °C., quindi fermentazione malolattica e maturazione in botti di rovere francese da 500 lt per 20 mesi e affinamento in bottiglia per 15 mesi
Descrizione: Colore rosso rubino intenso, note di frutta rossa matura, ciliegia, lampone, mora, accenni di speziatura; tannini morbidi che conferiscono eleganza al vino, in bocca è caldo e persistente
In due parole: Il gioiello di San Felice

Tag: , ,

Leggi anche ...

Le nostre uve oltremare soffrono di saudade
Dall'Italia
Le nostre uve oltremare soffrono di saudade

Non tutte le varietà di vite si adattano Leggi tutto

È legge: il Soave si imbottiglia solo in provincia di Verona
Dall'Italia
È legge: il Soave si imbottiglia solo in provincia di Verona

Dal 2019 il Soave Doc potrà essere imbottigliato solo Leggi tutto

L’architettura sostenibile della Cantina Pizzolato in mostra alla Biennale di Venezia
Dall'Italia
L’architettura sostenibile della Cantina Pizzolato in mostra alla Biennale di Venezia

L’orientamento alla sostenibilità, coniugata con la consapevolezza d Leggi tutto