Dall'Italia Dall'Italia Alessandro Torcoli

Braide Alte in verticale: vent’anni in dieci annate

Braide Alte in verticale: vent’anni in dieci annate

Una verticale per vent’anni di Braide Alte: evento prezioso per chi conosce il vino simbolo di Livon, bianco aromatico e di struttura. E una doppia occasione, ieri al Ceresio 7 di Milano, dove insieme al Braide Alte 2014 ha fatto il suo debutto il vino da collezione 50esimo Livon. Sono dieci in tutto le annate in verticale: 1996, 2000, 2001, 2004, 2007, 2008, 2011, 2013 e 2014 (in commercio da marzo 2016). «Il 1996 è la prima annata prodotta, ma il progetto di creare un bianco importante, che omaggi e rappresenti il territorio del Collio, comincia nel 1990. Il vigneto si trova in cima alla collina di Ruttars. Da qui il nome, Braide Alte» spiega Matteo Livon, terza generazione e futuro della Cantina friulana.

Braide Alte, simbolo del Collio

Il Collio è un territorio complesso dal microclima eccezionale, dove la bora contribuisce alla sanità delle uve e il terreno pietroso delle marne dona freschezza e mineralità ai vini. Qui non nascono solo vini di pronta beva, e il Braide Alte ne è un illustre esempio. Le uve che lo compongono – Chardonnay e Sauvignon (80%, in egual proporzione), Picolit (15%) e Moscato giallo (5%) – vengono vendemmiate e vinificate separatamente in barrique di rovere ungherese per 8 mesi, poi assemblate in acciaio e affinate in bottiglia.

50esimo Livon 2014Una bottiglia da collezione: 50esimo Livon 2014

Il 5oesimo Livon 2014 è un vino unico e irripetibile, frutto della vendemmia celebrativa svolta a settembre 2014 nei vigneti di Ruttars, in occasione dei cinquant’anni dell’azienda. È un blend di Ribolla gialla e Friulano, due varietà simbolo dell’enologia friulana, affinate 8 mesi in barrique di rovere ungherese, prodotte nella zona del Tokaj (le stesse del Braide Alte): la selezione delle botti, la media tostatura e la stagionatura del legno (36 mesi) rivestono grande importanza. È un vino da collezione, prodotta in sole 3.059 bottiglie e 242 magnum. L’etichetta rielabora l’elegante donna alata creata da Romain de Tirtoff, in arte Erté, simbolo grafico di Livon, e la forma brevettata della bottiglia, dall’imboccatura più sottile, riduce l’ossigeno tra tappo e vino, limitandone l’ossidazione.

Ma torniamo indietro nel tempo

Assaggiare dieci annate di Braide Alte è stato come sempre un affascinante viaggio nel tempo. Questo capita specialmente quando si ha a che fare con il Collio, area viticola prestigiosa anche perché molto sensibile alle variazioni climatiche, per cui ogni annata è un’opera a sé. Come dimostra questo grande bianco.

1996
Di colore giallo paglierino, dal cuore più intenso ma con guizzi ancora verdolini che ne annunciano la freschezza, a vent’anni. Gli aromi sono di brioches, scorza di cedro, salvia, mela annurca, zolfo e tocco di pepe bianco. Al palato ha un equilibrio perfetto di alcol e acidità, ormai completamente integrata nella struttura del vino. Ottima persistenza, grande esempio di annata “continentale”, fresca, con 1.798 mm acqua caduta contro una media di 1.300. 96/100

2000
Il colore è più intenso, con guizzi dorati. Anticipa le sensazioni di un’annata più calda, tendenzialmente mediterranea. Corredo aromatico più burroso, con mela matura golden, pesca, e erbe aromatiche (rosmarino). Rotondo, con un tocco di miele sul finale, sostanzioso, lungo e sapido. 90/100

2001
Giallo intenso, tendente al dorato. Al naso note intense di frutta a polpa bianca, mela grattugiata, e frutta secca, con una nuance di salvia. Ha tutta la morbidezza del Collio. 88/100

2004
Colore dorato, il bouquet è complesso, meno espressivo e brillante, con qualche nota sulfurea, ma non scevro di piacevoli sentori floreali. In bocca è fresco, con sapore di pompelmo e burro, ricco e piuttosto alcolico. Sul finale è leggermente ammandorlato. 85/100

2007
Annata calda, decisamente “mediterranea”. Il colore è intenso, dorato, il naso tropicale, con banana, mango; note floreali di gelsomino e aromatiche di erbe (rosmarino, alloro), La bocca è sostanziosa, profonda, e il finale lungo con un rinfrescante ritorno mentolato. 94/100

2008
Annata ambigua, calda e umida. Il naso è complesso, con cera d’api, scorza candita, mela golden. La bocca è ricca, opulenta, profonda e calda, ma resiste un finale gradevolmente fresco. 90/100

2010
Millesimo piuttosto bagnato, con 1.957 mm di pioggia. Il colore è brillante e chiaro, le note olfattive predominanti sono di agrume e foglia pomodoro, domina il Sauvignon sul resto del blend. Al palato è sempre avvolgente, e si palesa la struttura dello Chardonnay. 86/100

2011
Bouquet stuzzicante di agrumi, aromatico di rosa, gelsomino, fiore di sambuco, poi frutti tropicali come banana e mango a polpa bianca. Al palato ha freschezza e persistenza, è possente e attende nella sua gioventù di raggiungere l’equilibrio. 88/100

2013
Naso diverso dai precedenti, più floreale e con una nota intesa di pesca. Ancora giovane, può integrare l’apporto dei legni in cui si è affinato, con note di vaniglia e burro. La bocca è molto morbida. 90/100

2014
La più piovosa delle annate, decisamente continentale. Il naso è molto ampio, con frutti a polpa bianca, cenni di fragoline, floreale di gelsomino, e menta. 89/100

Tag: ,

Leggi anche ...

Le nostre uve oltremare soffrono di saudade
Dall'Italia
Le nostre uve oltremare soffrono di saudade

Non tutte le varietà di vite si adattano Leggi tutto

È legge: il Soave si imbottiglia solo in provincia di Verona
Dall'Italia
È legge: il Soave si imbottiglia solo in provincia di Verona

Dal 2019 il Soave Doc potrà essere imbottigliato solo Leggi tutto

L’architettura sostenibile della Cantina Pizzolato in mostra alla Biennale di Venezia
Dall'Italia
L’architettura sostenibile della Cantina Pizzolato in mostra alla Biennale di Venezia

L’orientamento alla sostenibilità, coniugata con la consapevolezza d Leggi tutto