Dal mondo Dal mondo Elena Erlicher

Aurand direttore dell’Oiv

Aurand direttore dell’Oiv

Jean-Marie Aurand sarà il nuovo direttore generale dell’Organizzazione Internazionale della Vite e del Vino (Oiv). Succederà a Federico Castellucci a partire dal 1° gennaio 2014. Aurand è stato eletto al primo turno per un un mandato di cinque anni nel corso dell’11ª assemblea generale dell’ente, che si è svolta durante il XXXVI Congresso mondiale della vigna e del vino, dal 2 al 7 giugno a Bucarest, alla presenza dei 45 Stati membri.

LA CARRIERA – Originario della regione del Languedoc-Roussillon, Aurand ha ricoperto negli anni diversi incarichi di responsabilità al ministero dell’Agricoltura. Tra le altre cose, è stato a capo della delegazione francese all’Ufficio Internazionale del Vino dal 1994 al 1998, è stato supervisore dell’Onivins (l’Organo nazionale interprofessionale dei vini) e di Sopexa (Groupe Marketing International, Alimentaire vin & art de vivre). Inoltre, è stato commissario del governo dell’Inao (Istituto nazionale delle denominazioni d’origine) per quattro anni. Nell’ambito delle sue attività, ha anche negoziato per la Francia le ultime due riforme dell’Ocm-vino.

L’IMPORTANZA DEL LAVORO DI SQUADRA – Aurand di fronte all’assemblea si è definito «uomo del dialogo e del consenso, con il senso del lavoro di squadra». Ha affermato di voler mantenere «la rotta segnata da Castellucci e di voler cercare i mezzi per percorrere quelle tappe che porteranno l’organizzazione a essere ancora più conosciuta, moderna e collettiva, in cui ogni Paese membro si possa riconoscere, nel pieno rispetto delle peculiarità di ognuno».

Tag: ,

© Riproduzione riservata - 11/06/2013

Leggi anche ...

Hong Kong Wine Fair 2019: il vino in Asia visto dalla porta principale
Dal mondo
Hong Kong Wine Fair 2019: il vino in Asia visto dalla porta principale

In un’edizione complicata dalle circostanze, l’Hong Kong Internationa Leggi tutto

NPU 2004 di Bruno Paillard, l’armonia fatta cuvée
Dal mondo
NPU 2004 di Bruno Paillard, l’armonia fatta cuvée

NPU 2004: la cuvée top di gamma della Leggi tutto

Rare Champagne 1988-2006: un gioiello da degustare
Dal mondo
Rare Champagne 1988-2006: un gioiello da degustare

«Partiamo da una biblioteca di Dublino, con Leggi tutto